Linkedin, consigli per curare la propria reputazione online

Al giorno d’oggi, curare la propria reputazione online è fondamentale per avere maggiori possibilità di trovare lavoro e questo vale soprattutto per i liberi professionisti. Quello che in molti non sanno è che una piattaforma come Linkedin rappresenta una vera e propria risorsa in tal senso: la maggior parte delle aziende utilizza infatti questo canale durante le attività di recruiting. Ecco perché il primo passo da compiere per avere successo in campo professionale e trovare lavoro nel 2022 è quello di iscriversi a Linkedin e creare un proprio account. Questo tuttavia non basta: occorre prestare attenzione ad alcuni dettagli, perché se il profilo non è curato al meglio si rischia di compromettere la propria reputazione.

Ecco allora alcuni consigli utili per trovare lavoro su Linkedin, evitando inutili perdite di tempo.

1 Creare un profilo professionale

Il primo passo da compiere dopo essersi iscritti a Linkedin è quello di creare un profilo che sia professionale e completo. Bisogna dunque inserire tutte le informazioni in modo dettagliato, indicando competenze ed esperienze, percorsi lavorativi pregressi e via dicendo.

Per quanto riguarda nello specifico i freelance è bene ricordare che per proporsi ad esempio come web designer conviene aprire la Partita IVA perché questo conferisce maggior credibilità. È vero che inizialmente esiste la possibilità di farsi pagare con ritenuta d’acconto, ma le aziende preferiscono di gran lunga i professionisti con una posizione già attiva. Dopotutto, al giorno d’oggi aprire la Partita IVA è semplice: con Fiscozen lo si può fare in modo gratuito, online e in sole 24 ore. Questa piattaforma offre tutta l’assistenza necessaria ai freelance sul piano fiscale ed è una delle più gettonate al giorno d’oggi perché seria e professionale.

2 Creare connessioni con le aziende del settore

Una volta completato il proprio profilo, il secondo passo da compiere su Linkedin è quello di creare delle connessioni con le aziende o i professionisti che operano nel proprio settore. Questa è un’operazione importantissima, per due ragioni. In primis perché consente di essere sempre aggiornati sulle attività delle aziende che operano nel proprio ambito e in secondo luogo perché permette di ottenere maggior visibilità in un determinato settore. Se quindi si è in cerca di un impiego o di committenti, circoscrivendo la cerchia di connessioni si ha maggior probabilità di essere trovati.

3 Condividere contenuti

Mantenere il profilo aggiornato su Linkedin è fondamentale così com’è importante condividere contenuti pertinenti con i propri interessi e la propria professione. Parliamo infatti di una piattaforma che funziona come un social network, dunque valgono le stesse regole. Più si è attivi e si pubblicano post, maggiore visibilità si può ottenere all’interno del portale. Naturalmente però è importante condividere contenuti di valore altrimenti si rischia di compromettere la propria reputazione.

4 Far confermare le proprie competenze

Un ultimo aspetto da non sottovalutare è la conferma delle proprie competenze, che avviene dai profili con i quali si è collegati. Si tratta di un dettaglio importante, perché maggiori conferme si hanno e maggiore sarà la propria credibilità agli occhi delle aziende.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)