Chi riceve un sollecito di pagamento per bollette vecchie, di almeno 5 anni, può rivolgersi al CRTCU che sta facendo valere la prescrizione: nell’ultima settimana ha già recuperato 1600 euro a favore dei consumatori per somme non dovute. Le bollette telefoniche si prescrivono in 5 anni, salvo invio di atti che interrompono tale termine come solleciti di pagamento con data certa. Se in 5 anni non si riceve alcuna comunicazione il pagamento non va effettuato.
Diversi consumatori stanno ricevendo una raccomandata con sollecito di pagamento da parte di uno studio legale di Prato: viene intimato il pagamento di fatture risalenti agli anni 2006-2009, allora emesse dalla compagnia telefonica Tele2 (dal 2010 “TeleTu” e di proprietà della società Vodafone Omnitel NV.). L’avvocato chiede di contattare telefonicamente la società di recupero crediti Ge.Ri Srl con sede a Milano per regolarizzare la posizione, allegando un bollettino postale con l’importo richiesto ed intestato alla società stessa.
Molti utenti, dubbiosi sulla fondatezza di queste richieste che si riferiscono a fatture molto vecchie, si sono rivolti al CRTCU che ha segnalato a Teletu i casi in questione, sottolineando l’avvenuta prescrizione delle fatture che sono state di conseguenza annullate dalla società. In una settimana sono stati recuperati più di 1.600 euro a favore dei consumatori come somme non dovute.
L’Associazione invita i consumatori che dovessero ricevere solleciti di questo tipo a verificare la correttezza della richiesta ed eventualmente a contrattarre la nuova sede del CRTCU in Piazza Raffaello Sanzio n3, tel:0461984751.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)