Sta circolando, anche attraverso chat e sistemi di messaggistica istantanea sui cellulari, un volantino attribuito alla Federconsumatori su una presunta “truffa sui cellulari”.

Il volantino, che riporta un logo diverso da quello ufficiale dell’associazione e che circola periodicamente da diversi anni, invita gli utenti a non richiamare il numero 0141 455414 comunicato tramite un SMS, in quanto tale chiamata comporterebbe il prosciugamento dell’intero credito. L’allarme lanciato tramite il volantino riguarderebbe, inoltre, il rischio di clonazione della propria SIM, nel caso in cui si dovesse rispondere malauguratamente alla telefonata di truffatori che si spacciano per i propri provider omnitel, tim o wind, chiedendo di inserire un codice per ottimizzare le funzioni del cellulare o migliorare le prestazioni di Java.

“In realtà si tratta di un falso”, comunica Federconsumatori. “Non è stato diffuso dalla nostra Associazione e la truffa descritta al suo interno non risulta attendibile, come era facile comprendere anche solo osservando il finto indirizzo internet del sito della Guardia di Finanza”. Sul volantino, infatti, gli utenti sono invitati a segnalare la truffa all’indirizzo www.finanza.it, che non corrisponde però al sito reale della Guardia di Finanza.

“Qualora vi dovesse essere recapitato vi invitiamo a non perdere tempo prezioso ed a cestinarlo”, ha affermato l’associazione.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)