Si è insediato oggi al Mise un tavolo tecnico che “affronterà in maniera organica gli aspetti produttivi e occupazionali legati al settore delle telecomunicazioni, considerando la sua strategicità e le trasformazioni tecnologiche in atto”. Così il Ministero dello Sviluppo economico in una nota stampa. All’incontro erano presenti il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Assocontact, Asstel e le organizzazioni sindacali.

Tra le possibili soluzioni per fronteggiare i momenti di difficoltà del settore, prosegue il Mise, è stata discussa la possibilità di creare un apposito fondo di solidarietà, di estendere gli effetti della clausola sociale, attualmente in vigore solo per i call center, ai lavoratori di tutti i settori delle telecomunicazioni. Si è affrontato poi il problema della concorrenza sleale e della delocalizzazione delle attività. Una delle soluzioni, dice il Ministero, potrebbe essere lo smart working da applicare agli addetti dei call center, per  migliorare la qualità di vita dei lavoratori e consentire un maggior risparmio per le aziende.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)