Cittadini sempre più preoccupati dal clima. Surriscaldamento globale, gestione e smaltimento dei rifiuti, inquinamento di acqua e aria e aumento della plastica sono considerati problemi sui quali intervenire con più urgenza. E c’è, sempre più diffuso, il timore per lo stato ambientale dei luoghi in cui si vive. Il dato emerge da un’indagine pubblicata dall’Istituto di ricerca SWG, e rilanciata anche dal WWF, nel quale emergono le emergenze ambientali che tolgono il sonno ai cittadini. A partire da una consapevolezza. All’affermazione “La situazione ambientale del luogo in cui vivo mi preoccupa sempre di più” hanno risposto positivamente (sono molto o abbastanza d’accordo) l’81% degli intervistati. L’anno precedente, il 2017, erano il 71%.

Il sondaggio è stato fatto a novembre 2018 su un campione rappresentativo di 2 mila persone maggiorenni. Fra il 2011 e il 2016 la preoccupazione per l’ambiente oscillava fra il 67% e il 69%. Ora invece riguarda oltre otto intervistati su dieci. Ogni persona ha indicato i quattro problemi sui quali ritiene più urgente intervenire: al primo posto ci sono il surriscaldamento globale insieme alla gestione e allo smaltimento dei rifiuti, indicati dal 42% degli intervistati; a seguire, viene ritenuto urgente intervenire sull’inquinamento delle acque (36%), sull’inquinamento dell’aria (35%) e sull’aumento della plastica.

Chi sono i maggiori responsabili dell’attuale inquinamento? Al primo posto, col 55% delle risposte, i cittadini segnalano le multinazionali, mentre quasi a pari merito vengono chiamati in causa i cittadini (43%) e i governi (42%). Alla richiesta su chi invece dovrebbe fare di più per tutelare l’ambiente vengono indicati nell’ordine i cittadini (49%), il governo (48%), le multinazionali  e l’Unione europea (36%). Da sottolineare anche la posizione espressa davanti alla possibilità di boicottare i prodotti dei paesi che inquinano di più o non rispettano gli accordi internazionali sul clima: si dice molto d’accordo il 37% degli intervistati, con un aumento del 5% rispetto al 2015.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)