Approda oggi alla Camera dei Deputati la discussione generale sulla donazione di prodotti alimentari e farmaceutici e sulla limitazione degli sprechi. In Aula verrà portato un testo unificato di diverse proposte di legge – quelle contro gli sprechi – sotto il nome “Disposizioni concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi”. Per il Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina “finalmente l’Italia potrà dotarsi di una norma che rafforza il lavoro di contrasto a un fenomeno che solo da noi vale più di 12 miliardi di euro all’anno”.
sprecoalimentareObiettivo della proposta di legge è quello di ridurre gli sprechi nelle fasi di produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti alimentari e farmaceutici e di favorire il recupero e la donazione delle eccedenze alimentari, prima di tutto a uso umano, e di prodotti farmaceutici ed altri prodotti con obiettivi di solidarietà sociale. La legge contro gli sprechi alimentari , ha detto il Ministro Martina, “rappresenta una delle eredità dirette di Expo Milano 2015. Finalmente l’Italia si potrà dotare di una norma che rafforza il lavoro di contrasto a un fenomeno che solo da noi vale più di 12 miliardi di euro all’anno. Puntiamo a far crescere la consapevolezza nei consumatori rispetto alle abitudini alimentari, a semplificare le donazioni per le aziende e per la prima volta anche per l’agricoltura si disegna un ruolo da protagonista, attraverso le donazioni dirette agli indigenti. Sotto questo versante l’Italia rappresenta già una buona pratica a livello internazionale: ogni anno recuperiamo 550mila tonnellate di eccedenza in tutta la filiera. Nel 2016 vogliamo arrivare a 1 milione”. Secondo il Ministero, è inoltre importante che la legge riconosca l’impegno del tavolo indigenti che da due anni lavora mettendo insieme enti caritativi, industria, grande distribuzione e organizzazioni agricole.
Si tratta di una legge da più parti e da tempo invocata. Sostiene Martina: “Nel mondo un terzo della produzione di cibo viene sprecata. Si tratta di una delle piaghe più forti contro cui combattere per affermare davvero e concretamente il diritto al cibo come diritto universale, per contribuire a raggiungere l’obiettivo Famezero al 2030 sancito dalla Carta di Milano e dai nuovi Obiettivi del millennio dell’Onu. L’Italia, anche con la nuova norma, è pronta a fare la sua parte”.
Gli sprechi alimentari, riepiloga Coldiretti, costano all’Italia 12,5 miliardi che sono persi per il 54 per cento al consumo, per il 21 per cento nella ristorazione, per il 15 per cento nella distribuzione commerciale, per l’8 per cento nell’agricoltura e per il 2 per cento nella trasformazione. Mentre la riduzione degli sprechi può avvantaggiarsi della maggiore sensibilità dimostrata dagli italiani: il 53 per cento ritiene infatti che il contenimento degli sprechi alimentari dipenda soprattutto dalle scelte dei consumatori e il 46 per cento sostiene che possano essere combattuti con una migliore pianificazione della spesa. Che si rende necessaria, considerato che in media, sostiene Coldiretti, ogni italiano getta via nel bidone della spazzatura ben 76 chili di prodotti alimentari durante l’anno.
Per l’Adoc oltre alla legge serve una “rivoluzione culturale” per combattere gli sprechi. “Per vincere la battaglia contro gli sprechi alimentari bisogna avviare una vera e propria rivoluzione culturale, oltre che normativa – dichiara Roberto Tascini, presidente dell’Adoc – sprecare il cibo non è più sostenibile, sia a livello economico, etico e di tutela dell’ambiente. Ben vengano, quindi, disposizioni in merito all’uso dell’esubero delle produzioni e la loro destinazione agli indigenti, ma occorre innanzitutto puntare l’attenzione sulla necessità di adottare un cambiamento radicale nelle scelte di consumo e dello stile di vita”. Secondo l’associazione le famiglie italiane stanno riducendo gli sprechi di cibo: negli ultimi cinque la percentuale di prodotti alimentari sprecati è diminuita, anche se a oggi ogni famiglia spreca in media circa il 7% della spesa alimentare, per un conto annuo di 380 euro. Il 34% dei prodotti che si buttano sono quelli freschi, come latte, uova e carne e fra i prodotti più sprecati ci sono il pane (18%) frutta e verdura (16%) e prodotti in busta. Il motivo principale per cui si spreca è l’eccesso di acquisto generico o per eccesso di acquisto per offerte speciali. “La riduzione degli sprechi evidenzia anche come le famiglie tendano sempre di più a investire maggiormente sulla qualità dei prodotti, cercando nuove e più vantaggiose forme di risparmio e non guardando più solo al prezzo ma anche alla “storia” dietro il prodotto, privilegiando aspetti quali la sostenibilità del prodotto o dell’azienda produttrice. E’ un primo passo – dice l’Adoc – ma serve la collaborazione di tutti i soggetti della filiera affinché si raggiunga l’obiettivo “zero sprechi”.”
 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)