Comunità energetiche, Legambiente: in Italia ancora ritardi e ostacoli

Comunità energetiche, Legambiente: in Italia ancora ritardi e ostacoli

In Italia anche le comunità energetiche, come le rinnovabili, faticano a diffondersi. Infatti – denuncia Legambiente – nonostante siano una soluzione utile e concreta per contrastare il caro bollette, l’emergenza climatica e la povertà energetica, sono pochissime quelle realmente attive o che stanno ricevendo gli incentivi statali erogati dal GSE, il Gestore dei servizi energetici. 

“Pesano i ritardi, le lungaggini burocratiche, la mancanza degli incentivi da parte del MITE, il ritardo di Arera sull’emanazione delle regole attuative – afferma l’associazione ambientalista – che si uniscono alle difficoltà nel ricevere le informazioni necessarie a identificare l’ambito di sviluppo delle CER, ai ritardi nelle registrazioni e al ricevimento degli incentivi, ma anche a preventivi onerosi per allacci alla rete”.

“È assurdo – afferma Katiuscia Eroe, responsabile energia di Legambiente – come nel nostro Paese, nonostante tutti parlino di comunità energetiche, ci siano ancora tutti questi ritardi. La legislatura si sarebbe dovuta chiudere con l’iter normativo concluso, considerando che le comunità energetiche sono, insieme all’efficienza energetica, tra le migliori strade per combattere caro energia e crisi sociale”.

Uno studio di Elemens e Legambiente “stima un risparmio medio per la bolletta elettrica fino al 25%, fermo restando che ogni comunità energetica può strutturare il proprio comparto tecnologico (potenza installata, impianti di accumulo, smartgrid, etc.) per puntare a percentuali ben più elevate, come dimostrano alcune esperienze di autoconsumo collettivo sviluppate nel pinerolese”.

Legambiente, quindi, fa il punto della situazione, nel nuovo approfondimento “I blocchi allo sviluppo delle comunità energetiche”.

 

rinnovabili

 

Comunità energetiche, a che punto siamo in Italia?

Come spiegato da Katiuscia Eroe “Le comunità energetiche rinnovabili, introdotte giuridicamente in Italia, in modo sperimentale, con il Decreto Milleproroghe 2020, sono soggetti giuridici di diritto privato che permettono a cittadini, imprese, cooperative, enti, amministrazioni, soggetti del terzo settore, istituti religiosi, scuole ed università di riunirsi per autoprodurre, e condividere energia elettrica e termica prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, secondo regole stabilite tra i membri delle comunità stessa. Da ciò ne conseguono benefici economici, grazie al risparmio in bolletta e agli incentivi statali che premiano l’energia condivisa in queste configurazioni, benefici sociali, a partire dalla lotta alla povertà energetica, e benefici ambientali, grazie all’utilizzo di energia rinnovabile. Ma anche innovazione e servizi per i territori e la popolazione. Oltre a sviluppo di nuovi posti di lavoro”.

Dall’indagine emerge che sulle 100 comunità energetiche mappate su comunirinnovabili.it dall’associazione in questi tre anni (sino a giugno 2022) – tra quelle già operative, in fase di attivazione o in progetto -, ad oggi sono 45 quelle in fase ancora “embrionale”, 55 quelle che si trovano in uno stadio più maturo dell’iter di realizzazione, fra chi è legalmente costituito, chi ha già realizzato gli impianti e chi sta attraversando o ha già ultimato la procedura di registrazione presso il portale del GSE dedicato alle comunità energetiche.

Legambiente ha chiesto a quest’ultime, attraverso un sondaggio telefonico, a che punto fossero. Delle 44 realtà che hanno risposto sulle 55 totali, solo 16 hanno dichiarato di essere riuscite ad arrivare a completare l’iter di attivazione presso il GSE e sono, dunque, operative; mentre solamente 3 realtà la comunità energetica di Vitulano, il Residence Cicogna e un autoconsumatore collettivo di ACEA Pinerolese -hanno ricevuto tramite bonifico la prima tranche di incentivi statali.

Le restanti 28 comunità energetiche, invece, stanno incontrando difficoltà burocratiche o sono in attesa del completamento dell’iter normativo con le nuove regole, che aprono a importanti occasioni di sviluppo.

“Tra queste anche la Comunità Energetica Solidale di Napoli Est – racconta Legambiente – sottoposta, prima, al blocco causato della Sovrintendenza ai Beni Culturali, che ha impiegato mesi prima di concedere il nulla osta all’impianto fotovoltaico da 53 kW posizionato sul tetto della Fondazione Famiglia di Maria, e poi alla farraginosità dell’iter di registrazione presso il portale del GSE, che deve ancora dare il riconoscimento di operatività alla CERS. In particolare, la mancanza di un solo documento, facilmente richiedibile mettendo in sospeso la pratica come previsto, ha visto il diniego del riconoscimento e la necessità di ricominciare l’iter burocratico di richiesta registrazione”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)