Importanti riconoscimenti comunitari per il “Codice di Condotta per i processi di gestione e tutela del credito” che costituirà un modello di riferimento per la predisposizione del nuovo Codice Paneuropeo e per il percorso virtuoso di condivisione, confronto e dialogo con le Associazioni dei Consumatori su tematiche di comune interesse. Il Comitato Economico Sociale Europeo ha invitato lo scorso 7 giugno, nell’ambito dell’incontro “Consumers and Environment Category”, il Forum UNIREC-Consumatori a presentare l’esperienza italiana di co-regolazione del comparto della tutela del credito.
UNIREC (Unione Nazionale Imprese a Tutela del Credito) e le sette associazioni che compongono il Forum e le sette Associazioni dei Consumatori che compongono il Forum (Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori), ha illustrato il contesto economico e sociale che ha convinto imprese e Associazioni della necessità di creare un luogo di confronto strutturato e permanente in cui dialogare e trovare soluzioni in merito a tematiche di comune interesse nel pieno rispetto della tutela del Consumatore.
Un percorso di aggregazione, affatto facile e scontato”, ha dichiarato il presidente Gianni Amprino, “che ha permesso, grazie ad impegno costante, ad un intenso lavoro di conoscenza, confronto e condivisione tra imprese e Associazioni dei Consumatori, all’accreditamento con Authority e Istituzioni e alla realizzazione di iniziative volte a diffondere sempre di più la “cultura del recupero crediti virtuoso”, di raggiungere importanti risultati in linea con la mission che il socio fondatore UNIREC ha inteso conferire alla nascita dell’iniziativa: essere soggetto di riferimento e garanzia delle “Buone Prassi di recupero” condivise. Ed in questo le Associazioni dei Consumatori hanno giocato e giocano tuttora un ruolo fondamentale”.
Proseguendo il suo intervento, Amprino ha illustrato il “Codice di Condotta”, un documento in cui, oltre ai principi generali di tutela del Consumatore sono state disciplinate in maniera dettagliata tutte le fasi dell’attività di collection, condividendo anche le linee guida operative con le Associazioni de Consumatori. In soli due anni, il comparto della tutela italiano è passato dall’ autoregolazione alla co-regolazione ed ha avviato, attraverso il percorso di coinvolgimento delle imprese titolari del credito, il passaggio ad un’altra fase: quella di co-regolazione perfetta con tutti e tre le Parti insieme per definire insieme, nella prossima edizione del Codice, le linee guida delle buone prassi di recupero. Iniziativa, quest’ultima, apprezzato dai rappresentanti dei diversi Paesi Europei che hanno partecipato all’incontro al CESE.
Il “Codice di Condotta”, redatto dal Forum UNIREC-Consumatori e adottato da tutte le imprese associate ad UNIREC costituirà un modello di riferimento per la predisposizione del nuovo Codice Paneuropeo che FENCA (Federazione Europea delle Associazioni nazionali di aziende di recupero crediti) ha in fase di realizzazione e che presenterà alle istituzioni comunitarie. “L’Italia”, ha concluso Amprino, “grazie alla lungimiranza di UNIREC e alla significativa esperienza maturata nei rapporti con le Associazioni dei Consumatori nell’ambito del Forum, è diventata interlocutore privilegiato nella predisposizione del nuovo sistema di autoregolamentazione europeo, con una capacità di influenza diretta sul piano comunitario”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

1 thought on “Forum UNIREC-Consumatori: la co-regolazione italiana per tutela del credito piace al CESE

  1. non è un commento all’ articolo vorrei segnalare la mancanza di oportunita nel pagamento con monete inferiori a 10 centesimi

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: