Glifosato: il Parlamento europeo chiede il divieto totale entro il 2022. In una risoluzione non vincolante, approvata oggi con 355 voti favorevoli, 204 voti contrari e 111 astensioni, i deputati del Parlamento europeo hanno chiesto di eliminare subito l’uso domestico di questo erbicida, e di metterlo al bando dall’agricoltura entro il 2022. L’Europarlamento chiede poi che le valutazioni dei rischi da parte della Commissione europea siano rese pubbliche.

Gli Stati dell’Ue dovranno votare domani per rinnovare l’autorizzazione alla licenza del glifosato per altri dieci anni a partire dal 15 dicembre di quest’anno, data di scadenza dell’attuale autorizzazione. Nel voto odierno, il Parlamento chiede il divieto totale entro dicembre 2022 degli erbicidi a base di glifosato e restrizioni immediate sull’uso di questa sostanza, opponendosi dunque alla proposta della Commissione di un rinnovo per altri 10 anni.

Il glifosato è un erbicida molto contestato – un’Iniziativa dei cittadini europei per la sua messa al bando ha raccolto oltre un milione di firme in meno di un annoe per i deputati l’Unione dovrebbe eliminarlo a partire dal divieto per l’uso domestico e da un divieto per quello agricolo non appena saranno a disposizione alternative biologiche (ad esempio i cosiddetti sistemi di difesa integrata) sufficienti per il controllo delle erbe infestanti.  L’obiettivo finale deve essere un divieto totale nell’UE entro il 15 dicembre 2022.

Sotto accusa per sospetti di cancerogenicità, di fatto assolto dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare, il glifosato è oggetto di valutazioni scientifiche contrastanti: lo Iarc per l’Onu da una parte e le Agenzie Ue per la sicurezza alimentare e per i prodotti chimici sono arrivati a conclusioni divergenti sulla sua sicurezza. E sulla valutazioni pesa poi la credibilità di molti studi scientifici che sarebbero stati ricalcati da quelli della Monsanto, azienda proprietaria e distributrice del Roundup. Per i deputati, i documenti interni della Monsanto che sono stati resi pubblici “hanno fatto sorgere dubbi in merito alla credibilità di alcuni studi utilizzati dall’UE ai fini della valutazione della sicurezza del glifosato”. E questa, del resto, è proprio una delle obiezioni sollevate dalle associazioni contrarie al glifosato, che hanno sollevato da tempo la questione della reale indipendenza degli studi che vengono usati come base per le decisioni scientifiche.

“La procedura di autorizzazione comunitaria, inclusa la valutazione scientifica delle sostanze, dovrebbe basarsi – dicono i deputati del Parlamento europeo – unicamente su studi soggetti a revisione paritetica e su studi indipendenti pubblicati e commissionati dalle autorità pubbliche competenti. Le agenzie dell’UE dovrebbero essere dotate di risorse sufficienti per consentire loro di lavorare in questo modo”.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)