Inflazione, Bce: il 69% delle famiglie ha modificato i consumi (Foto Michael Burrows per Pexels)

Inflazione, Bce: il 69% delle famiglie ha modificato i consumi (anche tagliando su quantità e qualità)

Analisi della Bce sull’impatto dell’inflazione sulle famiglie: il 69% delle famiglie ha modificato i consumi (anche abbassando qualità e riducendo quantità), il 43% ha usato i risparmi, il 31% ha cercato di far salire le entrate. Consumatori: le famiglie si arrampicano sugli specchi e i consumatori sono con le spalle al muro

Quasi sette famiglie su dieci hanno modificato i consumi, anche riducendo quantità e qualità della spesa. Oltre quattro su dieci hanno usati i risparmi e una quota minore, poco meno di un terzo, ha cercato di far salire le entrate. Anche facendo straordinari e lavori extra. Strategie per affrontare la crisi dell’inflazione e il caro prezzi.

In che modo le famiglie hanno adattato il loro comportamento di spesa e di risparmio per far fronte all’elevata inflazione?”: questo il tema di uno studio diffuso oggi dalla Banca Centrale europea (BCE) sulla base dei dati del Consumer Expectations Survey (CES) della BCE.

“Lo shock inflazionistico ha influenzato il comportamento dei consumatori e ha pesato sulla loro spesa. In generale, i consumatori adottano strategie diverse per far fronte all’aumento dei prezzi: adeguando i consumi, riducendo i risparmi e/o aumentando il reddito”, spiega la Banca Centrale europea nel focus.

I consumatori cambiano i consumi

“La strategia principale utilizzata dai consumatori per far fronte all’inflazione è quella di adeguare i propri consumi”, evidenzia la Bce.

A gennaio 2024 la maggioranza degli intervistati, il 69%, ha modificato i propri consumi, ma “degni di nota” sono stati anche il 43% che ha usato i risparmi e il 31% che ha cercato di far salire le entrate.

Tra chi ha agito solo sui propri consumi, davanti al caro-vita e ai prezzi elevati il 50% ha cercato di trovare prezzi più vantaggiosi altrove, il 33% ha abbassato la qualità dei propri acquisti, il 28% ha ridotto le quantità acquistate.

Il 35% degli intervistati ha dichiarato di aver ridotto i propri risparmi per sostenere i consumi mentre, in termini di reddito, circa il 15% ha dichiarato di aver negoziato un aumento di stipendio e il 17% ha dichiarato di aver lavorato più ore o di aver accettato un lavoro aggiuntivo.

C’è stato inoltre uno spostamento delle preferenze dopo la revoca delle restrizioni sociali all’indomani della pandemia. Questo, spiega la Bce, ha portato ad un aumento della percentuale di spese per ristoranti, attività ricreative e viaggi: la quota di queste categorie nella spesa totale è aumentata dal 7,4% nel 2021 al 12,9% nel 2023.

Tasso di risparmio in calo

La Bce evidenzia poi che c’è stata una diminuzione del tasso di risparmio negli ultimi due anni.

“Il calo è stato principalmente determinato dall’aumento della spesa per attività ricreative e viaggi, piuttosto che per beni di prima necessità”.

In sintesi: il recente calo del tasso di risparmio può essere attribuito soprattutto al fatto che le famiglie a reddito più alto hanno attribuito una maggiore preferenza alle spese per viaggi e attività ricreative, come reazione post pandemia. Ha contribuito al calo del tasso di risparmio, anche se un po’ meno , il fatto che le famiglie a basso reddito abbiano invece aumentato la spesa per beni durevoli. Al contrario la spesa per beni essenziali come casa, cibo ed energia, ha avuto un impatto al ribasso relativamente modesto sui risparmi delle famiglie nel 2022 e nel 2023, nonostante i sostanziali aumenti dei prezzi.

“Questo risultato – dice lo studio della Bce – riflette una riduzione sia nella quantità che nella qualità degli acquisti di questi beni di prima necessità, in linea con i cambiamenti nel comportamento di spesa delle famiglie”.

Insomma: minore spesa per cibo, alloggio ed energia.

Consumatori: famiglie in grande difficoltà

I Consumatori fotografano da questi dati le difficoltà delle famiglie.

Spiega ad esempio il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori Massimiliano Dona: «Le famiglie si arrabattano e si arrampicano sugli specchi pur di arrivare a fine mese. Ma se il 28% di chi modifica i propri consumi è costretta a ridurre le quantità, anche di spese obbligate come quelle alimentari, come denunciamo ogni volta in occasione dei dati Istat sulle vendite al dettaglio, è chiaro che la situazione è diventata drammatica, con conseguenze nefaste anche per la crescita del Paese, visto che i consumi delle famiglie rappresentano il 60% del Pil».

La Banca centrale europea, afferma a sua volta Anna Rea, presidente di Adoc nazionale, «sigilla le difficoltà delle famiglie alle prese con il carovita».

«Oggettivamente i consumatori sono con le spalle al muro – prosegue Rea – Alla Meloni diciamo: di quale Paese parla quando sostiene che la povertà è sparita e che bisogna essere fieri dei risultati dell’Italia? Il Governo in tutto questo dov’è? All’Esecutivo chiediamo di intervenire in modo più incisivo sui prezzi per far ripartire consumi, commercio ed economia. Le politiche attuate fino ad ora sono risultate fallimentari».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)