Oggi la legge Sirchia compie 15 anni

Oggi la legge Sirchia compie 15 anni

Con il divieto del fumo nei locali pubblici chiusi il 10 gennaio 2005, 15 anni fa, entrava in vigore la cosiddetta “Legge Sirchia”, dal nome del Ministro della Salute che la propose. Si trattava dell’applicazione su tutto il territorio nazionale di quanto previsto dalla Legge n. 3 del 16 gennaio 2003 (art. 51) “Tutela della salute dei non fumatori”, ovvero del principale intervento normativo in Italia in materia di tabacco.

Quindici anni di mercato 

Nel corso di questi quindici anni di applicazione della legge antifumo, le vendite di sigarette tradizionali sono passate da circa 92.822 tonnellate nel 2005 a circa 67.460 tonnellate nel 2018, con una diminuzione pari al 27,3%. Per contro, si è registrata una importante impennata nelle vendite del tabacco trinciato (incluso il tabacco da pipa) che nel medesimo arco temporale ha fatto registrare un incremento pari ad oltre il 500%.

 

Legge Sirchia, come sono cambiate abitudini e mercato
Legge Sirchia, come sono cambiate abitudini e mercato

Quindici anni di consumi

Secondo l’ultima indagine condotta dall’Istituto Superiore di Sanità sull’abitudine al fumo degli italiani, i fumatori sono 11,6 milioni, ovvero il 22% della popolazione (15+ anni). Gli uomini sono 7,1 milioni (28,0%) e le donne 4,5 milioni (16,5%).

Nel corso degli ultimi 15 anni i tabagisti sono passati da  12.570.000 del 2005 a 11.600.000 fumatori nel 2019  facendo registrare un minimo storico  di 10.800.000 fumatori nel 2012.

La diminuzione nelle vendite delle sigarette tradizionali registrata nel corso degli ultimi 15 anni è sicuramente attribuibile da una parte ad una variazione nei consumi (il 18,3% dei fumatori consuma sigarette rollate a mano), ma anche all’ingresso sul mercato di nuovi prodotti quali le sigarette elettroniche e i prodotti a tabacco riscaldato.

Le sigarette elettroniche

Nel 2019, il consumo (prevalente o occasionale) di sigarette elettroniche contenenti nicotina ha riguardato il 4,6% dei fumatori, mentre quello di prodotti a tabacco riscaldato il 3,5%. La comparsa sul mercato negli ultimi anni dei prodotti alternativi alla sigaretta tradizionale non ha contribuito a ridurre la prevalenza dei fumatori, infatti i consumatori di sigarette elettroniche o di sigarette a tabacco riscaldato sono fondamentalmente fumatori duali o non fumatori.

L’introduzione sul mercato dei prodotti alternativi alla sigaretta tradizionale (sigaretta elettronica e prodotti a tabacco riscaldato) ed una legislazione che deve adeguarsi ai nuovi scenari del mercato di questi prodotti, stanno rimettendo in discussione l’educazione al comportamento rispettoso nei confronti dei non fumatori.

Il 62,6% degli utilizzatori di sigaretta elettronica ed il 62% dei fumatori di sigarette a tabacco riscaldato si sentono infatti liberi di usare questi prodotti nei luoghi pubblici (mezzi di trasporto pubblici, privati, locali, bar, ecc).

I prodotti alternativi alla sigaretta tradizionale svolgono anche un ruolo nell’iniziazione alla dipendenza da nicotina nei non fumatori. Il 6,4% di chi non fuma, infatti, certamente o probabilmente inizierebbe ad utilizzare un nuovo prodotto da fumo, diverso dalle sigarette tradizionali, se questo fosse meno dannoso per la salute.

La Legge Sirchia e la consapevolezza dei fumatori

Dopo l’applicazione della Legge Sirchia, il numero delle telefonate dei cittadini che chiedevano aiuto per smettere di fumare al telefono verde è aumentato sistematicamente passando dai 2.600 contatti annui nel 2005 a 11.100 nel 2019.

Tale incremento, particolarmente significativo negli ultimi anni è stato dovuto anche ad una ulteriore disposizione legislativa che ha visto l’inserimento del Numero Verde sulle confezioni dei prodotti del tabacco.

Il Telefono Verde Fumo dell’ ISS, 800.554.088 aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 16.00, offre orientamento, sostegno e informazione ai cittadini e supporta, attraverso attività di counselling, sia i fumatori che decidono di smettere di fumare sia coloro che hanno già intrapreso un percorso di disassuefazione.

 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

1 thought on “Legge Sirchia, in 15 anni circa 1 milione di fumatori in meno

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: