L’allarme sulla nuova Sars non si placa, anzi c’è anche un altro virus, quello dell’influenza H7N9. Per ora il rischio di diffusione di questo virus in Europa è considerato basso, ma non può essere escluso l’ingresso in Italia di pazienti provenienti dalla Cina. Pertanto, la sorveglianza dovrà essere rinforzata per ricercare l’influenza A (H7N9) in persone di ritorno dalla Cina, che presentano un quadro respiratorio grave”. Lo scrive direttamente il Ministero della Salute che ha emanato 2 circolari in merito e pubblicato sul suo sito pagine con le risposte ai dubbi principali sulle due infezioni.

Le circolari, che seguono l’invito da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ad alzare il livello di attenzione, contengono tutte le informazioni per gli operatori sanitari sul riconoscimento, il trattamento e la segnalazione dei casi sospetti.
“Fondamentale é, adesso, la sorveglianza e il controllo dell’infezione – si legge nella circolare sulla nuova Sars – sia nelle aree fino ad oggi interessate dai casi di infezione da nuovo coronavirus che per i cluster di malattie respiratorie inusuali che si verificano in altri Paesi”.
L’Oms, sottolineano entrambi i documenti, per il momento non raccomanda controlli speciali o restrizioni ai viaggi.
“In questa fase, il rischio di diffusione del virus in Europa è considerato basso – spiega la circolare sull’influenza H7N9 – Tuttavia, non può essere escluso. Pertanto, la sorveglianza dovrà essere rinforzata”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)