Un accordo per tutelare i consumatori nel difficile settore del recupero crediti. A firmare il primo accordo sul recupero credito sono state Euro Service Group S.P.A e alcune Associazioni dei Consumatori (Assoutenti, Codacons, Codici, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori) nell’ambito del convegno “Recuperare le idee per recuperare il credito” che si è svolto oggi a Roma. Al centro dell’accordo l’istituzione di un Osservatorio e di Gruppo di lavoro sulla conciliazione. Euro Service Group S.P.A e le Associazioni adottano un meccanismo di autoregolazione per tutelare i consumatori nel settore del recupero crediti; grazie a questa intesa si instaura e si valorizza un nuovo modo di dialogare con i consumatori, con l’obiettivo di recuperare quel credito, inteso come fiducia, verso un settore spesso accusato di scarsa correttezza comportamentale e di tutelare i consumatori dalle pratiche scorrette.
L’accordo stabilisce le regole di confronto e di rapporto tra le parti, prevedendo tra i tanti punti: il rispetto del Codice del Consumo e la realizzazione di un Codice Etico di tutela del consumatore; la trasparenza e la correttezza di ogni forma di relazione dell’azienda nei confronti della clientela; l’informazione del cliente circa i diritti del consumatore e le tutele in casi di violazioni di quest’ultime.
Punti focali per il raggiungimento degli obiettivi dell’intesa, saranno l’istituzione di un Osservatorio e di Gruppo di lavoro sulla conciliazione.
Equità, trasparenza e correttezza comportamentale: criteri cardine per recuperare credito e trasformare il rapporto con il consumatore-debitore in un momento di mediazione e utile confronto.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)