Hanno funzionato oltre ogni aspettativa i servizi di test rapido proposti dalla LILA(Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids) in occasione della testing week europea dello scorso novembre e del primo dicembre 2016, giornata mondiale per la lotta all’Aids. aidsOltre 700 test rapidi per l’Hiv eseguiti in meno di 15 giorni nelle 9 città in cui è stato offerto il servizio: quasi 800 le persone che si sono presentate; a 717 è stato consigliato il test rapido. Per il 60% si è trattato di uomini, le donne sono state il 40%. Si è dichiarato omosessuale o bisessuale il 31% degli utenti, il restante 69% ha dichiarato un orientamento eterosessuale. Di nazionalità straniera il 3% del totale, 31 anni circa l’età media: un ottimo risultato considerando come l’età media delle nuove diagnosi si attesti a 39 anni per i maschi e a 36 per le donne e che per la metà dei casi si tratti di diagnosi tardive, ossia che giungono contemporaneamente o quasi alla diagnosi di AIDS, quando cioè, la salute delle persone è già molto compromessa.

Oggi, in Italia, una persona con HIV su 4 non conosce il proprio stato sierologico e circa la metà delle persone che hanno contratto il virus lo scopre tardi, fattore che pregiudica l’efficacia delle terapie e favorisce la diffusione del virus.

Obiettivo di questi test”, ricorda la Lila, “è facilitare l’accesso agli esami“. La campagna di testing proseguirà con l’attivazione di servizi permanenti in diverse città italiane, tuttavia, sottolinea la Lila, “il costo di questa attività è totalmente a carico delle associazioni”. Dallo scorso dicembre è disponibile in farmacia anche il self-test e sono in tanti a farlo da soli in casa senza il minimo supporto relazionale ed informativo. “Per non risultare solo un’operazione commerciale, questo prodotto, potenzialmente efficace, doveva e deve essere accompagnato da opportune reti di servizi e sostegno pagate dagli stessi produttori”, sottolineano dall’associazione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)