Dirigenti del Fatebenefratelli e Regione Lazio devono fare di tutto per trovare un accordo e agire in modo da tranquillizzare i malati ricoverati in quella struttura: la crisi dell’ospedale romano trova la mobilitazione di Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato, che “si fa interprete della preoccupazione dei malati e delle loro famiglie che, ad ogni contenzioso che le strutture convenzionate hanno con la Regione, rischiano di subire degli inaccettabili disagi e di trovarsi in mezzo ad un meccanismo perverso che li fa diventare involontariamente oggetto di negoziato – spiega l’associazione – Non è accettabile che i malati anziché godere dell’assistenza con la serenità dovuta a chi già è molto penalizzato dal male, siano esposti a situazioni di precarietà, nonostante abbiano pagato anticipatamente un servizio dovuto”.
Chiediamo che qualsiasi conflitto e disaccordo tra l’Ente accreditante e qualsiasi struttura accreditata sia affrontata per tempo e trovi una soluzione prima che i malati – dializzati o affetti da patologie psichiatriche come in questo caso e le loro famiglie – siano costretti a riorganizzare la propria vita già così faticosa e complessa o, peggio, a non sapere chi e quando si prenderà cura di loro”, afferma l’associazione, che si mette a disposizione dei malati e delle famiglie per ogni iniziativa di tutela.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

1 thought on “Ospedale Fatebenefratelli, Cittadinanzattiva-TdM: trovare un accordo

  1. Non è che si replica quanto accaduto al S. Carlo, non è che il fatebenefrattelli si è comportato molto bene con i pazienti che interrompevano le cure odontoiatriche. L’ospedale in questi casi hanno preteso l’intero ammontare della cifra pattuita, e a nulla sono valse le rimostranze. In questi casi non pensiamo che il pubblico debba farsi carico dell’inefficenza del privato

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: