Salviamo l’associazione Il Grande Cocomero. A lanciare l’appello sono ivolontari e ragazzi dell’associazione, operatori della Neuropsichiatria infantile, artisti e liberi cittadini che hanno lanciato una petizione online per chiedere a Roma Capitale e al prossimo Sindaco di interrompere le azioni legali amministrative avviate dal Sindaco uscente Gianni Alemanno.
Nata da un’idea di Marco Lombardi Radice, neuropsichiatra sperimentatore di terapie innovative nella cura dei disturbi psichici dei minori, in oltre 20 anni di attività, Il Grande Cocomero ha rappresentato un importante spazio sociale e assistenziale. Nel 1993, la regista Francesca Archibugi, ispirandosi all’esperienza di Lombardi Radice e dell’associazione, ha girato il film “Il grande comero”.
Il Comune di Roma ha ora dato incarico alla Romeo Gestioni Spa di procedere per vie legali contro Il Grande Cocomero, pretendendo il pagamento di un affitto mensile cui l’associazione non può fare fronte, sostenendosi grazie all’impegno gratuito dei volontari e a piccole donazioni.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)