Tra le priorità che la nuova compagine governativa dovrà affrontare c’è quella della sanità pubblica, almeno secondo quanto afferma oggi Federconsumatori. “I tagli drastici, contro i quali ci battiamo da tempo, hanno compromesso la qualità dei servizi e l’accessibilità alle cure, peraltro senza incidere in maniera significativa su sprechi ed inefficienze” spiega l’Associazione che ritiene necessario “un cambiamento radicale nelle politiche sanitarie, per eliminare i disagi e le discriminazioni che ci vengono denunciati ogni giorno dai cittadini e per ridurre le spese a carico delle famiglie”.
“ Il Ministro Lorenzin abbandoni una logica di tagli, ticket e tasse, che compromette tutele e servizi e che ha fatto perdere di vista quello che dovrebbe essere l’obiettivo prioritario della sanità pubblica: la difesa della salute dei cittadini. I costi dei servizi e delle prestazioni sanitarie sono diventati proibitivi e hanno minato il diritto alle cure e alla prevenzione.   Lo stanziamento di investimenti per la sanità è urgente e necessario, non solo per produrre salute, ma anche per assicurare lo sviluppo della ricerca scientifica e creare occupazione qualificata, restituendo così una spinta vitale per il rilancio della nostra economia” conclude la nota di Federconsumatori.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)