Oggi, 12 maggio, si festeggia la Giornata Europea dei Diritti dei Pazienti: un’occasione per ricordarci degli elevati livelli di protezione della nostra salute che sono stati raggiunti negli anni in Europa. L’accesso universale alle cure mediche, a prescindere dalla nazionalità, dal sesso e dalla situazione economica è, ad esempio, uno dei principi fissati nel Trattato dell’Unione Europea e nella Carta dei Diritti Fondamentali.

In occasione della Giornata Europea dei Diritti dei Pazienti la Commissione ricorda i 10 vantaggi che l’UE ha ottenuto per i suoi pazienti:

1) Diritto a ricevere cure mediche anche se ci si trova in un altro Paese europeo, grazie all’European Health Insurance Card;

2) Diritto ad essere rimborsati per spese mediche sostenute in un altro Paese europeo;

3) Diritto a ricevere informazioni sugli standard di sicurezza e qualità delle cure sanitarie negli altri Stati membri, attraverso la Rete dei punti di contatto;

4) Diritto ad essere assistiti da dottori specializzati;

5) Diritto a ricevere una copia del proprio referto medico e delle cure ricevute, in modo da poter continuare il trattamento anche con un altro medico o in un altro Stato Membro;

6) Diritto ad avere il riconoscimento della propria prescrizione medica in tutti i Paesi UE, grazie al principio di mutuo riconoscimento di una lista di elementi;

7) Diritto ad essere sottoposti a cure mediche sicure ed efficaci;

8) Diritto a registrare e comunicare eventuali effetti collaterali dei farmaci;

9) Diritto ad essere curati con dispositivi medici sicuri;

10) Diritto di beneficiare di alcune regole comuni e standard elevati sulla qualità del sangue, degli organi, dei tessuti e delle cellule nei casi di donazioni.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)