Il Governo è stato costretto a fare marcia indietro sul decreto appropriatezza, che limitava la prescrivibilità di prestazioni ed esami sanitari necessari per diagnosi e cura del paziente. Soddisfazione da parte di Federconsumatori: “Doverose e necessarie le contestazioni di medici e cittadini costretti a rinunciare a terapie e prevenzione a causa di scelte politiche e amministrative che risultano, nei fatti, definite solo ed esclusivamente da tagli di risorse che compromettono qualità e disponibilità dei servizi pubblici.  
Riteniamo questo un primo passo importante, che deve proseguire con l’avvio di nuove politiche sanitarie tese a garantire a tutti la esigibilità del diritto alla salute, a partire dalle prescrizioni e prestazioni sanitarie – commenta Federconsumatori – In tal senso manteniamo alta l’allerta relativa ai nuovi LEA: attualmente ci troviamo di fronte a un drastico e non  accettabile definanziamento dei nuovi livelli essenziali di assistenza e della sanità pubblica che va scongiurato con ogni mezzo.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)