Far crescere nel Lazio la  consapevolezza e la sensibilità della cittadinanza e delle istituzioni sul tema del trapianto. Questo l’obiettivo della campagna “Segni particolari: Donatore – Cosa sapere sul trapianto e sulla   donazione di organi e tessuti per una scelta consapevole” promossa dall’Agenzia Regionale per i Trapianti e Cittadinanzattiva (in collaborazione con  l’Associazione Malati di Reni) che si è conclusa oggi con un evento in Campidoglio.
E’ stato calcolato che per ognuno di noi la probabilità di aver bisogno di un trapianto è quattro volte circa più alto di quella di diventare donatore: in Italia, i pazienti in lista d’attesa a giugno 2013 erano 8564, mentre le i trapianti effettuati alla stessa data sono stati 2983.
Nell’ambito del progetto sono state effettuati molti incontri pubblici presso parrocchie, Municipi, scuole, ospedali e altre sedi istituzionali che hanno coinvolto, insieme ai volontari di Cittadinanzattiva e ad alcuni medici che si occupano di trapianti, centinaia di persone e offerto la possibilità di fare chiarezza su  molti punti relativi alla donazione e al ricevimento di organi e tessuti. E’ emerso chiaro, negli incontri con i Presidenti dei Municipi di Roma e rappresentanti di altri Comuni del Lazio, il bisogno di informazione per la popolazione e per i dipendenti comunali, anche alla luce di quanto stabilito dal “Decreto del Fare” convertito poi nella legge 98 del 9 agosto 2013, che assegna ai Comuni la responsabilità dell’informazione e della sensibilizzazione dei cittadini. Rimane molto da fare, ma se lavoreremo insieme siamo certi che i cittadini della nostra regione risponderanno con grande generosità a questa sfida civile di grande portata anche simbolica.
 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)