Crolla il mercato immobiliare italiano: meno 17,8% per tutte le compravendite e flessione ancora maggiore, pari a quasi il 20%, per il settore residenziale. L’andamento negativo è comune a tutte le maggiori città, con un calo più elevato a Palermo, Genova, Roma e Firenze. Il crollo delle compravendite immobiliari nel I trimestre del 2012 nasce dalla crisi del mercato di fine 2011 – con tutti gli indicatori macroeconomici negativi, dal Pil alla spesa delle famiglie – e giocoforza non considera le eventuali ripercussioni dell’aumento della tassazione sugli immobili. I dati sono dell’Agenzia del territorio, che ha reso noto l’andamento delle compravendite fatte in Italia nel primo trimestre dell’anno, messe a confronto con lo stesso periodo del 2011.
Emerge che, dopo la lieve ripresa degli ultimi sei mesi del 2011, il mercato immobiliare italiano torna a mostrare una flessione elevata. Il tasso tendenziale annuo del volume di compravendite nel primo trimestre del 2012, confrontata al I trimestre 2011, è in flessione del 17,8% sull’intero settore immobiliare. Il crollo è ancora maggiore se si considera il solo settore residenziale, che con 110.021 transazioni registrate nel I trimestre 2012 rappresenta il 45% circa dell’intero mercato immobiliare per numero di compravendite: questo mostra un pesante calo degli scambi, pari a una flessione del 19,6%. Stesso andamento negativo per le pertinenze, in maggioranza riconducibili all’uso residenziale, che calano del 17,4%.
L’andamento negativo accomuna tutte le grandi città, con picchi anche superiori al 20%. È il caso di Palermo, dove la compravendita di abitazioni crolla del 26,5%, seguita da Genova (meno 21,8%), da Roma e da Firenze (entrambe in flessione del 21% circa). Molto elevato il calo anche a Bologna (meno 18,4%) e Torino (meno 18,1%); Milano e Napoli subiscono rispettivamente una perdita del 10,7% e del 9,8%.
Andamento analogo anche nei comuni della provincia, dove il mercato delle abitazioni diminuisce del 15,9%. Anche in questo caso, analogamente con l’andamento delle città capoluogo, il tasso negativo più elevato si riscontra nell’hinterland di Palermo, che perde più del 25%, seguito dal meno 21,6% della provincia di Firenze. Per le altre province, ci sono cali compresi tra il meno 17,6% di Genova, il meno 16,1% di Roma e il meno 13% di Milano.
Il crollo del mercato immobiliare va interpretato alla luce del contesto socio-economico degli ultimi mesi del 2011: dipende dalla crisi economica. Pil in flessione, disoccupazione in aumento, spesa delle famiglie in calo e aumento del tasso di interesse sui prestiti alle famiglie per l’acquisto di casa – salito costantemente nel 2011 – spiegano dunque, unite al “quadro di massima incertezza politico-economica”, il crollo del mercato. I dati resi noti oggi non comprendono invece il peso dell’Imu, che evidentemente potrà essere valutato solo nei prossimi mesi.
Spiega infatti l’Agenzia del territorio: “La crisi del mercato, registrata al momento del rogito nel I trimestre 2012, dipende totalmente dalle condizioni negative della nostra economia, dal contenimento della domanda interna e dall’aumento del costo del denaro per l’acquisto di abitazioni. Non è ravvisabile, pertanto, una correlazione tra i dati qui presentati, di riduzione del mercato immobiliare nel I trimestre 2012, e l’aumento della tassazione degli immobili decisa con il decreto legge del 6 dicembre 2011, n.201, praticamente alla fine dell’ultimo trimestre 2011”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “Agenzia del territorio: crolla il mercato immobiliare

  1. non avete indicato che il valore degl’immobili è calato e chi vuol vendere x comprare altro non ha + i soldi x farlo!

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: