Una multa di 120.000 euro ad Alitalia per pratica commerciale scorretta. La sanzione inflitta dall’Antitrust alla compagnia di bandiera è partita su segnalazione del Codacons che ha raccolto le denunce di due consumatori sulle modalità d’informazione nella procedura di acquisto di biglietti aerei sul sito internet in lingua italiana: il motivo della lamentela sta nel fatto che Alitalia non ha informato i consumatori, al momento dell’acquisto, sul fatto che alcune tratte offerte non vengono operate direttamente da Alitalia, ma da un altro vettore aereo, in questo caso Carpatair (compagnia rumena).
Nonostante si tratti di una caratteristica essenziale dell’offerta del servizio di trasporto aereo, l’informazione viene fornita, nel processo di prenotazione on line, alla terza schermata, attraverso una dicitura apposta con caratteri estremamente ridotti al di sotto delle informazioni sulle coppie origine/destinazione prescelte e relativo orario. La stessa cosa succede per l’offerta di numerosi altri servizi di trasporto da parte di Alitalia sul proprio sistema di prenotazione on line, che risultano effettivamente prestati da altri vettori anche di modesta dimensione e ridotta notorietà, sulla base dei numerosi accordi di partnership in essere4, senza che sufficiente informazione venga fornita ai consumatori nel corso della procedura di acquisto sull’identità del professionista che presterà il servizio e quindi sulle specifiche caratteristiche del servizio offerto.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)