Allevamento conigli in gabbia

Allevamento conigli in gabbia

I conigli adulti soffrono la limitazione del movimento delle gabbie da allevamento a batteria. Sono le conclusioni dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

Il parere scientifico dell’EFSA si basa su un’estesa indagine condotta tra esperti di conigli nell’UE e sul loro giudizio, poiché i dati disponibili sull’argomento sono pochi.

Tra le sue raccomandazioni l’EFSA sottolinea peraltro la necessità di raccogliere dati sul benessere dei conigli d’allevamento in tutta l’UE. Suggerisce inoltre che le gabbie convenzionali vengano ampliate e potenziate da un punto di vista strutturale per migliorare il benessere dei conigli.

 

Conigli in gabbia
Conigli in gabbia soffrono libertà di movimento

Gli esperti hanno preso in considerazione una serie di effetti sul benessere animale in termini di salute e comportamento come la limitazione del movimento, i problemi di riposo, la sete o la fame prolungata, lo stress termico e i disturbi della pelle.

L’allevamento di conigli nell’UE si attua principalmente in cinque Stati membri: Francia, Ungheria, Italia, Portogallo e Spagna. Le pratiche di allevamento variano notevolmente sia tra questi Paesi che all’interno di essi.

Per cogliere tale variabilità il parere scientifico dell’EFSA si concentra su sei esempi di sistemi di stabulazione: gabbie convenzionali; gabbie arricchite strutturalmente; sistemi a parco; gabbie a pavimento; sistemi all’aperto/parzialmente all’aperto; e sistemi biologici.

Le conclusioni dell’Efsa

  • il benessere dei conigli adulti è inferiore nelle gabbie convenzionali rispetto agli altri cinque sistemi di stabulazione (con un margine di certezza compreso tra il 66 e il 99%). La conseguenza più rilevante per il benessere dei due gruppi è la limitazione del movimento;
  • il benessere dei conigli non svezzati (coniglietti) è minimo nei sistemi all’aperto e massimo nei sistemi a parco (con un margine di certezza tra il 66 e il 99%). Il fattore che incide maggiormente sul benessere dei coniglietti allevati nei sistemi all’aperto è lo stress termico;
  • i sistemi biologici sono in genere buoni.

L’EFSA ha pubblicato altri due pareri su questioni di benessere relative all’allevamento dei conigli: uno di essi esamina i metodi di stordimento individuando i pericoli per il benessere e gli indici di coscienza durante la macellazione. Propone quindi misure correttive. L’altro tocca questioni sociali associate all’abbattimento per motivi diversi dalla produzione di carne (ad esempio per il controllo delle malattie).

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)