Amazon Prime aumenta i prezzi, l’abbonamento annuale costerà quasi 50 euro

Sorpresa nell’email: Amazon Prime aumenta i prezzi. In Italia l’abbonamento al servizio di consegne veloce Prime aumenterà da 3,99 euro a 4,99 euro al mese e da 36 euro a 49,90 euro l’anno. In un solo colpo, a partire dal 15 settembre, Amazon Prime aumenterà i prezzi del 25% per l’abbonamento mensile e di quasi il 40% per quello annuale. La motivazione? Naturalmente i costi dell’inflazione, che si abbatteranno sui consumatori abbonati al servizio. Si tratta dei primi rincari dal 2018 e non sono limitati al mercato italiano. Il costo annuale salirà anche in Germania e nel Regno Unito, negli Stati Uniti è già rincarato da 119 a 139 dollari l’anno.

“Un cambiamento importante al tuo abbonamento Amazon Prime”

L’email è arrivata ai clienti di Amazon Prime e si chiama “Un cambiamento importante al tuo abbonamento Amazon Prime”.

«A partire dal 15 settembre 2022, il prezzo dell’abbonamento Prime mensile aumenterà da 3,99€ a 4,99€ al mese e il prezzo dell’abbonamento Prime annuale aumenterà da 36,00€ a 49,90€ all’anno. La nuova tariffa si applicherà ai rinnovi a partire dal 15 settembre 2022 incluso».

«Le ragioni di questa modifica sono relative a un aumento generale e sostanziale dei costi complessivi dovuti all’inflazione, che incide sui costi specifici del servizio Amazon Prime in Italia e si basano su circostanze esterne, fuori dal nostro controllo».

Non è una peculiarità del mercato italiano. La raffica di aumenti investe anche gli altri mercati. Come scrive il Sole 24 Ore, “a conti fatti si tratta di aumenti più elevati rispetto al + 17% del prezzo dell’abbonamento Prime entrato in vigore per i nuovi abbonati negli Stati Uniti a febbraio. Per i clienti in Germania, il secondo mercato più grande di Amazon dopo gli Stati Uniti, l’aumento sarà del 30% per l’abbonamento annuale a a 89,90 euro. Nel terzo mercato, il Regno Unito, l’incremento sarà del 20% a 95 sterline all’anno, mentre in Italia, Spagna e Francia ai membri Prime sarà addebitato un aumento compreso tra il 39% e il 43% in più all’anno”.

 

 

Amazon Prime e i rincari

Su Twitter #AmazonPrime è subito in tendenza. E già partono le domande: ci saranno cancellazioni per un abbonamento di circa 50 euro l’anno? I Consumatori ne faranno comunque le spese.

L’inflazione si abbatte anche sull’e-commerce, commenta a stretto giro il Codacons.

«A fronte di una inflazione all’8% Amazon ha deciso unilateralmente di aumentare i costi dell’abbonamento annuale addirittura del +38,6%, oltre 4 volte il tasso di crescita dei prezzi al dettaglio, mentre il costo della tariffa mensile sale del 25% – spiega il Codacons – Rincari abnormi che pongono gli utenti in una posizione di evidente svantaggio, e sui quali la società deve fare dietrofront. In tal senso il Codacons ha deciso di presentare una istanza ad Amazon in cui si chiede un incontro urgente volto a rivedere la propria policy tariffaria e collaborare con i consumatori per impedire aumenti eccessivi dei costi degli abbonamenti in un momento in cui gli utenti sono già colpiti dagli aumenti delle bollette e dei prezzi al dettaglio».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)