Azioni per la tutela della natura e contro i cambiamenti climatici, interventi sulle tecnologie pulite, sulle politiche ambientali e attività di informazione e comunicazione in materia di ambiente in tutta l’Unione europea: questi gli ambiti nei quali la Commissione europea ha approvato oggi 225 nuovi progetti nel quadro del programma LIFE+, il fondo per l’ambiente dell’Unione, con un investimento complessivo di oltre 589 milioni di euro dei quali 282,6 milioni di contributo dell’Unione europea. Il bilancio totale dei progetti approvati per l’Italia ammonta a oltre 96 milioni di euro.
La Commissione ha ricevuto 1.468 domande di finanziamento in risposta all’ultimo invito a presentare proposte, chiuso nel giugno 2013. Di queste, 225 sono state selezionate per un cofinanziamento nell’ambito delle tre componenti del programma, ossia: LIFE+ Natura e biodiversità, LIFE+ Politica e governance ambientali e LIFE+ Informazione e comunicazione. Il primo componente, LIFE+Natura e biodiversità, è composto da progetti che permettono di migliorare lo stato di conservazione di specie e habitat in pericolo; i progetti LIFE+ Politica e governance ambientali sono invece progetti pilota che contribuiscono a migliorare le politiche apportando idee, tecnologie, metodi e strumenti innovativi – in quest’ambito rientrano azioni sui cambiamenti climatici, su rifiuti, risorse naturali, innovazione, acqua e sostanze chimiche – mentre i progetti LIFE+ Informazione e comunicazione puntano a dare maggiore visibilità alle tematiche ambientali e a divulgare informazioni in materia.
Sono 47 i progetti LIFE+ 2013 approvati per l’Italia. Fra questi, solo per fare qualche esempio, progetti che riguardano l’uso di plastica riciclata in nuovi nastri trasportatori, di una bio-vernice ottenuta dai rifiuti di pomodori come rivestimento nei contenitori per alimenti, un progetto per sviluppare un sistema per il recupero e il riciclaggio dei rifiuti speciali plastici del settore automobilistico, uno per mettere a punto un sistema dinamico di mappatura del rumore in grado di individuare e rappresentare in tempo reale l’impatto acustico dell’infrastruttura stradale. Sono inoltre stati approvati diversi Life+Natura fra i quali progetti per la tutela dell’habitat in Umbria, nel delta nella Provincia di Ferrara, per la conservazione degli orsi bruni e dei lupi sul Gran Sasso e per la gestione e tutela delle dune della Sardegna sudoccidentale.
Ha detto Janez Potočnik, Commissario per l’Ambiente: “Nell’ultimo anno dell’attuale periodo di programmazione il programma LIFE+ ha dimostrato, una volta di più, la sua capacità di garantire un sostegno finanziario essenziale ai progetti di conservazione dell’ambiente e della natura con un significativo valore aggiunto per l’UE. Questi ultimi progetti apporteranno un contributo vitale al mantenimento, alla conservazione e al miglioramento del capitale naturale in Europa e aiuteranno a conseguire una crescita sostenibile grazie agli investimenti in un’economia a basse emissioni di carbonio ed efficiente sotto il profilo delle risorse”. Ha aggiunto a sua volta Connie Hedegaard, Commissaria per l’Azione per il clima: “Sono soddisfatta di vedere così tanti progetti innovativi anche quest’anno. Per realizzarli contribuiremo con oltre 41,2 milioni di euro per uno stanziamento di bilancio complessivo di 109,4 milioni di euro. Una quota sempre maggiore dei progetti LIFE si incentra sull’azione a favore del clima. E noi vogliamo fare ancora di più: il nuovo programma LIFE 2014-2020 stanzierà oltre 850 milioni di euro all’azione per il clima, triplicando di fatto lo stanziamento assegnato finora.”


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)