È in arrivo una nuova maxi denuncia a carico degli operatori Vodafone, WindTre e TIM sospettati di aver imposto arbitrariamente termini perentori per la presentazione di reclami sulla fatturazione. A presentarla sarà l’Unione Nazionale Consumatori che continua la sua battaglia contro le aziende delle Telco che manipolano il calendario in danno degli utenti. “Nelle ultime settimane”, afferma Massimiliano Dona, presidente di UNC, “sono arrivate numerose segnalazioni da parte di consumatori che chiedevano informazioni in merito al termine per contestare la bolletta”.

Sembrerebbe, infatti, che gli operatori avrebbero fissato il termine di 45 giorni (o comunque di un diverso termine variabile molto stringente) per presentare un reclamo.

“Da quanto ci risulta”, aggiunge Dona, “né il Legislatore né tanto meno l’Autorità Antitrust e l’AGCOM hanno previsto un termine perentorio a carico dell’utente per presentare una contestazione agli operatori telefonici; al contrario, la normativa di settore prevede che il gestore rispetti il termine di 45 giorni per rispondere al reclamo del cliente”.

“Per questo motivo chiediamo alle Autorità di indagare sulla questione e, qualora si accertasse l’irregolarità, di intervenire tempestivamente anche valutando se la strana coincidenza di un termine uguale per tutti, non possa integrare gli estremi di violazione della concorrenza”.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)