“Basta studiare e, soprattutto, basta parlarne!” reagisce così segretario di Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, dopo l’ennesimo temporaggiamento del Governo sull’estensione del Bonus di 80 euro anche ai pensionati. “È ora di passare dalle parole ai fatti. I soldi ci sono: si trovano dagli attuali beneficiari, che sono anche troppi”, ha aggiunto Dona.Secondo le dichiarazioni 2015, relative ai redditi 2014, sono 11,3 milioni i soggetti che prendono gli 80 euro mensili. La soglia di 24.000 euro, insomma, è fin troppo abbondante, considerato che ci sono più di 2 milioni di pensionati con un reddito pensionistico inferiore a 500 euro mensili. Senza contare gli incapienti.
“Ecco perchè si deve restringere l’attuale platea di riferimento, ad esempio considerando il reddito complessivo familiare o, meglio ancora, l’Isee”. In questo modo, i soldi non saranno destinati ai consumi, ma solo accantonati e quindi inutilizzati al fine di far ripartire la domanda.
L’associazione di consumatori ricorda che, secondo gli ultimi dati Istat disponibili, considerando non il numero dei trattamenti, ma il reddito pensionistico, i pensionati con un importo mensile inferiore a 500 euro mensile, considerando anche la tredicesima, erano, nel 2014, 2.037.701, pari al 12,5% dei pensionati complessivi, con un costo di 6.865 mln di euro, pari al 2,5% della spesa pensionistica complessiva. I pensionati che, invece, percepiscono un importo superiore ai 5.000 euro, pur essendo solo 229.929, l’1,4% dei pensionati, costano 18 miliardi e 575 miliardi, il 6,7% della spesa pensionistica, quasi 3 volte tanto rispetto agli altri.
“Ecco perché, per finanziare il bonus di 80 euro ai pensionati, si possono trovare altre risorse ricalcolando le pensioni d’oro con il metodo contributivo”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)