100 milioni di Euro per un fondo all’insegna della cooperazione tra pubblico e privato nel finanziamento dell’innovazione nel settore dell’energia pulita. Il fondo comune di investimento è al centro di un memorandum di intesa firmato dalla Commissione europea e da Breakthrough Energy, il gruppo guidato da Bill Gates. Inteso come progetto pilota, si chiamerà Breakthrough Energy Europe (BEE) e dovrebbe essere operativo dal 2019.

Gli investimenti saranno diretti a imprese in grado di proporre e attuare tecnologie innovative. “Dobbiamo spingere per ammodernare l’economia e l’industria in Europa e per conseguire gli ambiziosi obiettivi predisposti a tutela del nostro pianeta” – ha detto il Presidente dell’esecutivo Jean-Claude Juncker. Il fondo si concentrerà sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e sulla promozione dell’efficienza energetica nei settori dell’energia elettrica, trasporti, agricoltura, industria manifatturiera e edilizia. La metà del capitale azionario proviene da Breakthrough Energy, l’altra metà da InnovFin (strumenti finanziari di condivisione del rischio finanziati con il programma europeo di ricerca e innovazione Orizzonte 2020).

“Servono tecnologie nuove per evitare le conseguenze peggiori dei cambiamenti climatici – ha dichiarato Bill Gates, presidente di Breakthrough Energy Ventures– L’Europa ha dato ottima prova di sé nel ruolo di guida in quanto ha investito cospicuamente nella ricerca & sviluppo. Scienziati e imprenditori che sviluppano innovazioni per far fronte ai cambiamenti climatici hanno bisogno di capitale per costruire società che portino quelle innovazioni sul mercato mondiale. Breakthrough Energy Europe è concepita per fornire quel capitale.”

Il connubio innovazione e lotta ai cambiamenti climatici è un elemento fondamentale della politica europea in materia di clima ed energia. A giugno 2016 l’Unione europea aveva aderito a Mission Innovation, un’iniziativa globale per l’energia pulita. L’ iniziativa era stata lanciata alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici 2015 (COP21) a Parigi con l’obiettivo di rinvigorire e accelerare l’innovazione energetica pubblica e privata globale. L’impegno del partenariato internazionale è di raddoppiare i finanziamenti per la ricerca e l’innovazione nel settore dell’energia pulita fino a circa 30 miliardi di dollari all’anno entro il 2021. Nella stessa occasione, un gruppo di investitori di dieci paesi ha annunciato l’intenzione di portare l’innovazione dai laboratori al mercato investendo capitale a lungo termine – a livelli senza precedenti – nelle fasi iniziali dello sviluppo tecnologico nei paesi che partecipano all’iniziativa Mission Innovation, creando così la Breakthrough Energy Coalition, che conta 28 investitori da 10 Paesi.

L’iniziativa si inserisce nel piano di azione per una finanza europea che sostenga un’economia più verde e più pulita. La Commissione punta a una lista di attività che vanno dalla creazione di marchi UE per i prodotti finanziari verdi all’obbligo, per i gestori di attività e gli investitori istituzionali, di tenere conto dei fattori di sostenibilità nel processo di investimento e di rendere più stringenti gli obblighi di comunicazione al miglioramento del la trasparenza per quanto riguarda le comunicazioni societarie.

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello che scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)