Dove andranno i bambini e i ragazzi ancora minorenni accolti nei centri di accoglienza che a breve verranno chiusi? È questa la domanda che il Garante per l’infanzia e l’adolescenza ha posto al Ministero dell’Interno che vuole innanzitutto sapere quante sono le famiglie con figli minorenni richiedenti protezione internazionale o titolari di protezione umanitaria presenti nei centri di accoglienza. La Garante Filomena Albano ha scritto al Dipartimento libertà civili e immigrazione del Viminale dopo la notizia che alcune prefetture italiane hanno smesso di pagare i servizi di accoglienza. Quelle richieste sono informazioni fondamentali”, spiega, “per poter individuare tempestivamente le misure necessarie a tutelare i diritti delle persone di minore età”.

“La Convenzione di New York sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”, prosegue Filomena Albano, “riconosce pari opportunità ai minorenni a prescindere da ogni considerazione e quindi dall’origine nazionale. Avevo chiesto, prima che il decreto sicurezza fosse convertito in legge e vista l’abolizione del permesso per motivi umanitari, che i nuovi ‘permessi per motivi speciali’ fossero estesi anche ai nuclei familiari con figli di minore età. Ma la richiesta non è stata accolta. Ora tali minorenni, visti gli allontanamenti dai centri di cui si ha notizia, potrebbero trovarsi privi di un luogo in cui poter dimorare e senza adeguata accoglienza”.

Per questa ragione l’Autorità garante ha chiesto con urgenza informazioni al Ministero dell’interno. “Occorre garantire ai minorenni il diritto all’unità familiare, alla sicurezza sociale legata anche a un luogo idoneo in cui risiedere, alla continuità scolastica e ad adeguate condizione di salute. Tutti diritti che trovano puntuale riscontro in quattro articoli della Convenzione: il 9, il 24, il 26 e il 28”, precisa la Garante.

Per ragioni analoghe l’Autorità ha chiesto di conoscere il numero dei minori stranieri non accompagnati già titolari di protezione umanitaria e prossimi ai 18 anni e la loro collocazione. Già il 19 novembre scorso in commissione Affari Costituzionali alla Camera la Garante aveva manifestato preoccupazione per gli effetti del decreto sicurezza su questi ragazzi. Un’altra nota è stata intanto inviata il 30 novembre dall’Autorità al Dipartimento di pubblica sicurezza per conoscere i tempi medi di rilascio del permesso di soggiorno per minore età ai minori non accompagnati.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)