Documenti bancari e firme false sono gli ingredienti di base di una vicenda che vede protagonista una risparmiatrice di Parma che nel giugno del 2001 aveva stipulato con Banca Monte, un istituto di credito allora collegato alla Banca Monte dei Paschi di Siena s.p.a., poi incorporato da Intesa San paolo s.p.a., un contratto “4 You”. Si trattava di una forma di risparmio della Banca 121 s.p.a. consistente nella stipulazione di un mutuo, da rimborsarsi mensilmente, per l’acquisto di azioni e obbligazioni, che, a dire dei creatori avrebbe prodotto notevoli guadagni per i risparmiatori, che ne avessero fatto uso.

In realtà, secondo Konsumer Emila Romagna, l’associazione alla quale si è rivolta la risparmiatrice per avere assistenza, si tratta di una vera e propria truffa finanziaria, dichiarata però nulla dalla Corte di Cassazione, perché non diretta a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo quanto prescritto dall’art. 1322 c.c.

Il Tribunale di Parma ha, infatti, respinto la domanda proposta dalla risparmiatrice, avendo accolto l’eccezione di cessazione della materia del contendere sollevata dalla Banca Monte Parma s.p.a. sulla basa di un preteso accordo transattivo che sarebbe stato sottoscritto dalle parti.

Non riconoscendo la propria sottoscrizione, l’associata è stata consigliata di proporre appello. E così ha fatto, chiedendo alla Corte d’appello di Bologna di accertare la falsità della sua firma ai sensi dell’art. 221 c.p.c. Essendo la querela di falso stata dichiarata ammissibile e la causa rimessa avanti il giudice competente, cioè il Tribunale di Parma, quest’ultimo, dopo il deposito della perizia da parte del consulente nominato, con sentenza n. 1872/18 in data 19.12.18 ha dichiarato la falsità della sottoscrizione, ponendo tutte le spese a carico dell’istituto di credito.

Arrivati a questo punto, se alla risparmiatrice non verrà restituito tutto quanto ha versato e speso per la causa, il giudizio verrà riassunto in Corte d’Appello con esito certo alla luce della giurisprudenza della Corte di Cassazione che dichiara nulli i “4 You”, dopo che è stato eliminato il falso accordo transattivo.

“Una grande vittoria di Konsumer Emilia Romagna”, dichiara l’avv. Giovanni Franchi, “che dimostra che le banche non si tirano indietro all’uso di firme false e che dimostra soprattutto la forza dell’associazione sempre pronta a tutelare i risparmiatori”.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)