Da oggi si potrà svaporare nei locali pubblici. A stralciare il comma 10-bis dell’articolo 51 della legge Sirchia è stato un emendamento al decreto Istruzione presentato dal presidente della commissione Cultura della Camera Giancarlo Galan (Pdl) e approvato dai deputati il 23 ottobre scorso. Di fatto viene reso possibile «svapare» la «bionda elettronica» dove invece permane il divieto per le sigarette tradizionali: uffici, ristoranti, cinema, mezzi pubblici e bar. L’e-cig rimane invece vietata nelle scuole. Negativo il commento dell’Adoc: “Avevamo accolto con soddisfazione lo scorso giugno l’introduzione del divieto di fumo delle “e-cig” nei luoghi pubblici, accogliamo con disappunto l’abolizione di tale divieto – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc – che va in contrasto con quanto sostenuto dal Consiglio Superiore della Sanità”.
“E’ stata cancellata una norma di civiltà e legalità” continua il Presidente sottolineando che l’Adoc ha sempre evidenziato la potenziale pericolosità di questo dispositivo soprattutto nella clientela più giovane dove c’è il concreto rischio di emulazione che può spingere i giovani consumatori sia ad assumere nicotina attraverso la sigaretta elettronica sia a passare al fumo tradizionale.
“Il divieto di fumo “elettronico” nei locali pubblici andava a colmare un vuoto normativo che stava contribuendo alla diffusione non controllata di questi nuovi dispositivi e all’insorgere di situazione complesse e potenzialmente dannose per i consumatori, fumatori e non, soprattutto giovani. Con l’abolizione del divieto si è fatto un pericoloso passo indietro che non condividiamo e che auspichiamo possa essere corretto” conclude Santini.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “E-cig, via libera nei luoghi pubblici

  1. Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc, ha fatto affermazioni giustissime e doverose, perché l’abolizione del divieto è in contrasto con quanto sostenuto dal Consiglio Superiore della Sanità, che è l’ autorevole e serio Organo di controllo sulla nostra salute.
    Sarebbe interessante sapere quali considerazioni di opportunità abbiano indotto Giancarlo Galan (Pdl) a presentare il suo emendamento e conoscere anche i nomi di quei deputati che lo hanno approvato il 23 ottobre scorso.
    E’ mai possibile che gli interessi economici prevalgano sulla salute, uno dei pochi beni importanti che ci restano?

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: