Arriva un quadro di sanzioni unico per le violazioni delle norme sulle etichette alimentari. Ci saranno, ad esempio, sanzioni fino a 40 mila euro per la mancata indicazione degli allergeni. Nei giorni scorsi il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato il decreto legislativo sulle sanzioni relative alla violazione di norme a tutela dei consumatori dei prodotti alimentari. Si tratta della disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni contenute nel regolamento Ue n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, e l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni europee. “Meglio tardi che mai”, commenta il Movimento Difesa del Cittadino.

Il decreto approvato, spiega una nota di Palazzo Chigi, “dispone un quadro sanzionatorio di riferimento unico per la violazione delle norme sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori”. L’autorità amministrativa competente per l’irrogazione delle sanzioni è il Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) del Ministero delle politiche agricole. Poiché si tratta di violazioni legate a obblighi informativi, sono state introdotte solo sanzioni di natura amministrativa commisurate alla gravità della violazione.

L’etichetta è la principale arma che il consumatore ha per difendersi dalle frodi e per acquistare consapevolmente. E’ quindi fondamentale che siano rispettate le norme e che questo venga garantito tramite controlli e pene severe. L’annuncio dell’approvazione in Consiglio dei Ministri di un quadro sanzionatorio unico relativo alle informazioni sugli alimenti ai cittadini non può che essere cosa gradita al Movimento Difesa del Cittadino, anche se arriva dopo tre anni dall’operatività del Regolamento europeo 1169 del 2011”. Così l’associazione, che ricorda come sia stata approvata una norma che riguarda tutti i prodotti e dunque va nella direzione di una maggiore chiarezza nella “giungla” delle etichette.

Sostiene Silvia Biasotto, responsabile sicurezza alimentare di MDC: “Un riferimento unico sanzionatorio era necessario e coerente. In caso di mancata apposizione delle indicazione relative agli allergeni si prevedono sanzioni fino a un massimo di 40mila euro, di 24mila euro per altre indicazioni obbligatorie e, salvo che il fatto costituisca reato, per le violazioni sull’origine sanzioni fino a 16mila euro. Interessante, nel caso dell’e-commerce, la violazione dei requisisti di informazione al consumatore comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 2mila a 16mila euro”.

Solo nel 2016, l’Ispettorato per la tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari ha svolto 48.310 controlli, mettendo sotto la lente 53.427 prodotti e verificando 25.190 operatori. Tra i principali illeciti accertati c’è proprio l’irregolare etichettatura. “E’ evidente – conclude Biasotto – che in tema di sicurezza alimentare, il consumatore non può fare tutto da solo. E’ importante conoscere gli alimenti e le etichette, ma è essenziale che ci sia prevenzione e repressione”.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

1 thought on “Etichette alimentari, arriva quadro sanzionatorio unico

  1. Concordo sul concetto di Prevenzione, molto meno su quello di Repressione.
    “L’etichetta è la principale arma che il consumatore ha per difendersi dalle frodi e per acquistare consapevolmente.”
    Su quali armi e su quali strumenti possono invece contare i produttori onesti, per essere certi di aver rispettato tutte le indicazioni del regolamento Ue n. 1169/2011?
    Quanti dei riscontri per irregolare etichettatura vanno effettivamente a scovare comportamenti fraudolenti e quanti invece derivano magari da una diversa interpretazione della normativa?

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: