Dopo svariate denunce e segnalazioni, si riaccendono i fari dell’Antitrust su Green Network per attivazione di contratti luce e gas non richiesti. L’Autorità avvia un procedimento per accertare le pratiche scorrette a seguito di 300 segnalazioni provenienti da singoli consumatori, Associazioni di consumatori e imprese concorrenti, nonché dalla stessa Autorità dell’energia. Il 14 giugno è stata eseguita un’ispezione con la collaborazione del Nucleo speciale Antitrust della Guarda di Finanza. 

Green Network era stata già multata a novembre scorso (240.000 euro di sanzione) per aver messo in atto pratiche commerciali scorrette di tipo aggressivo: acquisizione di contratti di fornitura di energia elettrica e gas senza il consenso dei consumatori o in presenza di un consenso viziato, con richiesta del pagamento delle forniture non richieste attivate. La stessa società era stata sanzionata per ulteriori 100.000 euro per aver adottato, in particolare nel teleselling, procedure contrattuali non rispettose dei diritti dei consumatori.
In base alle segnalazioni ricevute e alla documentazione prodotta in sede di verifica dell’ottemperanza al provvedimento, risulterebbe che l’operatore non abbia adeguatamente modificato le procedure di acquisizione di nuovi clienti, in modo da assicurare un consenso consapevole dei consumatori alla conclusione del contratto e all’attivazione di una fornitura con Green Network. Né abbia adottato misure idonee a controllare adeguatamente l’operato dei propri “procacciatori di affari” (che spesso hanno carpito il consenso dei consumatori, presentandosi come agenti di concorrenti o mentendo sui motivi della richiesta dei dati anagrafici e tecnici), e quindi avrebbe continuato a richiedere il pagamento di forniture non richieste.
Dalla documentazione prodotta dalla stessa società, emergerebbe inoltre che Green Network non ha rispettato i requisiti formali per la conclusione dei contratti a distanza previsti dal Codice del Consumo, con particolare riferimento alle modalità di rinunzia alla conferma del contratto in forma scritta e alla decorrenza del diritto di ripensamento. Il procedimento si concluderà nel termine di 120 giorni.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

2 thoughts on “Green Network, Antitrust avvia procedimento per attivazioni luce e gas non richieste

  1. Buongiorno……ho ricevuto una documentazione cartacea per attivazione fornitura gas naturale da parte di green network…..con mio grande stupore ho notato che erano inseriti tutti i miei dati senza che io avessi parlato con alcun operatore sia in internet che dal vivo…..ho inviato una Pec al loro indirizzo di posta relativo ai contratti intimando loro di non inviare più nulla…..questa aggressività è davvero fastidiosa….non vorrei che sti tizi firmassero i contratti al posto della povera gente perchè sarebbe il colmo…..
    Auricchio Ivano

  2. Gentile redazione,
    sono contenta di leggere questo articolo in quanto mio padre (anziano e con qualche recente problema di salute) è stato truffato un paio di mesi fa da sedicenti addetti della società Green Network. il contratto di fornitura per luce e gas gli è stato estorto telefonicamente, camuffandolo con una richiesta di conferma di dati anagrafici, e ne siamo venuti a conoscenza solo dal servizio recupero clienti di Enel che aveva ricevuto a marzo una richiesta di recesso da parte di Green Network . ci tengo a precisare che a distanza di più di due mesi e dopo svariati fax e raccomandate (tutti, ovviamente, a carico del consumatore gabbato) l’unica risposta avuta da Green Network è stata la bolletta del mese di maggio … complimenti!
    tra l’altro il servizio clienti della suddetta società declina ogni responsabilità in merito a questo tipo di contratti telefonici, adducendo la scusa che vengono stipulati da società terze: io lavoro in un’azienda italiana con filiali e agenti in diversi paesi esteri, e se uno di questi agenti si comportasse scorrettamente non mi verrebbe mai in mente di prenderne le distanze, ritengo che la responsabilità finale rimanga comunque dell’azienda che delega a questi personaggi l’acquisizione di nuovi clienti. Ma questo la dice lunga sull’etica e la professionalità di Green network che mi pare non sia nuova a questo tipo di denunce. Confido in una rapida risoluzione del caso e che il procedimento in corso con l’Antitrust si risolva positivamente per tutti i consumatori truffati!
    Cordiali saluti e buon lavoro,
    Chiara

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: