Insetti e ambiente

Insetti e ambiente

Gli insetti commestibili sono entrati al centro del dibattito sul cambiamento climatico in virtù delle loro potenzialità in termini di sostenibilità. Secondo uno studio dell’Università di Helsinky, pubblicato su ScienceDirect, le proteine degli insetti potrebbero non necessariamente avere prestazioni migliori per quanto riguarda il loro impatto sul riscaldamento globale rispetto alle proteine dei polli da carne.

In particolare, lo studio valuta la misura in cui le proteine degli insetti potrebbero aiutare a ridurre il potenziale di riscaldamento globale associato al consumo di cibo in Europa. I risultati di una revisione quantitativa e delle analisi di scenario supportano ricerche precedenti che suggerivano che le proteine degli insetti, se consumati come cibo, potrebbero maggiormente contribuire a ridurre l’impronta di carbonio dei consumatori europei.

Insetti e sostenibilità: c’è ancora da lavorare

A seconda del luogo di produzione e delle specie utilizzate, l’impatto ambientale delle proteine degli insetti può essere maggiore di quello delle proteine dei polli da carne, anche se gli insetti vengono utilizzati per il consumo umano diretto. Lo studio rivela che le attuali pratiche di produzione di insetti a scopo alimentare non sono ancora abbastanza efficienti da contribuire in modo significativo a una riduzione del riscaldamento nel consumo alimentare europeo.

I mangimi a base di insetti hanno nel complesso un potenziale di sostenibilità ambientale inferiore rispetto all’uso diretto di proteine a base di larve o grilli per l’alimentazione umana. Per questo sarà decisiva una maggiore ricerca sullo sviluppo del prodotto e l’accettazione da parte dei consumatori. Quanto raggiunto fino ad oggi ancora non basta. I ricercatori spiegano come nonostante il regolamento sui nuovi alimenti, che ha autorizzato dal 1 giugno 2021 l’immissione sul mercato del verme giallo essiccato come nuovo alimento, nonostante altre sfide legali attualmente in atto per motivi sanitari, e nonostante le pratiche di produzione non sviluppate e le questioni relative alla disponibilità dei consumatori a utilizzare gli insetti, sembra esserci un chiaro potenziale di mercato.

Fao: ecco i benefici ambientali degli larve e grilli a tavola

Gli insetti hanno un’elevata efficienza di conversione dal mangime a carne perché sono a sangue freddo. Per tasso di conversione si intende quanto mangime è necessario per produrre a 1 kg di aumento di peso. Si tratta di valori che variano molto a seconda della classe dell’animale e delle pratiche di produzione utilizzate. In media – si legge nel rapporto “Il Contributo degli Insetti per la Sicurezza Alimentare, l’Economia e l’Ambiente” della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura)- questi novel food possono convertire 2 kg di mangime in 1 kg di insetti massa. Invece i bovini richiedono 8 kg di mangime per produrre 1 kg di aumento di peso corporeo. Secondo la FAO è probabile che la produzione di gas serra da parte della maggior parte degli insetti sia inferiore rispetto a quello del bestiame convenzionale. Ad esempio, i maiali producono 10–100 volte più gas serra per kg di peso rispetto ai vermi della farina.

I climatariani del rapporto Coop e gli insetti

Tra le novità del Rapporto Coop 2021 sui consumi e stili di vita degli italiani c’è la comparsa della nuova identità alimentare dei climatariani, ovvero di coloro (1 italiano su 6) che dichiarano di adeguare il proprio regime alimentare per ridurre l’impatto ambientale. Per il 26% del campione un aiuto al clima verrà dalla scienza e dalla tecnologia e in questo senso tra le new entry sulle tavole degli italiani da qui a 10 anni ci sono cibi vegetali con il sapore di carne, a base di alghe, farina di insetti e anche la carne coltivata in vitro.

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello che scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)