In Italia il 22,2% di bambini è in sovrappeso e il 10,6% è in condizione di obesità. Una fotografia allarmante che pone il nostro Paese al primo posto nell’Unione europea per diffusione di eccesso di peso in età infantile. È quanto emerge dall’ultimo Rapporto “OKkio alla salute” sulle abitudini alimentari dei bambini nelle scuole primarie promosso dal Ministero della Salute. Domani presso la Camera verrà presentato il progetto SALTA in BOCCA rivolto alle scuole per una corretta educazione alimentare.
Le principali cause dell’obesità infantile sono le cattive abitudini alimentari, la scarsa attività fisica ed i comportamenti sedentari: il 9% di bambini salta la prima colazione, il 31% non fa una colazione bilanciata con il giusto apporto di carboidrati e proteine, il 22% non consuma quotidianamente frutta e/o verdura e il 18% pratica solo un’ora di sport a settimana.
Molte le conseguenze sulla salute, anche a lungo termine: difficoltà respiratorie e disturbi dell’apparato digerente, complicazioni di tipo psicologico, problemi articolari e mobilità ridotta, oltre al rischio di contrarre precoci patologie cardiovascolari, come l’ipertensione, le malattie coronariche, l’infarto e il diabete.
Il progetto SALTA in BOCCA, con la partecipazione della FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri), con il patrocinio della Presidenza della Camera dei Deputati e l’apprezzamento del Ministero dell’Istruzione, permette alla scuola di svolgere finalmente un ruolo decisivo nel promuovere ed incentivare una sana educazione alimentare ed una corretta attività fisica nel bambino, fornendo anche un supporto importante ai genitori per la diffusione di un’adeguata cultura alimentare all’interno del nucleo familiare.
SALTA in BOCCA, ideato da CSE Italia srl, con il sostegno di Brazzale, ed il supporto di Parmalat e Sagra, si rivolge proprio ai 5mila insegnanti delle scuole primarie delle aree Nielsen 1 e 2 di tutta Italia – scelte come progetto pilota e di cui 2.500 classi hanno già aderito –, ai 62mila alunni dell’anno scolastico 2013-2014, ai loro genitori ed ai pediatri, anche con la partecipazione di Kellogg’s, con l’obiettivo di educare alla sostenibilità alimentare attraverso un percorso formativo e didattico assolutamente gratuito. A supporto dell’iniziativa è stato, infatti, creato il sito www.saltainbocca.it con diverse aree tematiche (propedeutica, ludica, creativa), schede didattico-formative sui benefici dei diversi alimenti e sulle corrette abitudini alimentari, ed un concorso a premi per scuole e famiglie con prodotti forniti da Asus. Il progetto SALTA in BOCCA verrà presentato alla stampa domani, 12 Novembre 2013, alle ore 12, presso la Sala Stampa della Camera dei deputati (entrata dall’ingresso di Via della Missione, 4).

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)