Ancora una festa al risparmio, quella che stanno per festeggiare gli italiani: la crisi non è terminata e la Pasqua 2014 sarà l’ennesima festa sotto tono. Lo rivela un sondaggio Confesercenti, secondo cui non si è ancora interrotto il trend delle ‘festività al risparmio’: dopo un Natale magro, anche per questa Pasqua gli italiani si orienteranno su scelte oculate, a scapito della tradizione, ma in linea con un reddito familiare disponibile che lascia sereno solo il 31% degli italiani: il 25% degli intervistati dichiara che non acquisterà né colombe, né uova di Pasqua.
Quest’anno, il 25% degli intervistati dichiara che non acquisterà né colombe, né uova di Pasqua: una scelta che appare in parte condizionata, soprattutto, da ragioni di tipo economico. E anche tra chi non vuole privarsi dei dolci tipici, prevale il low-cost: il 43% sceglierà infatti uova e colombe industriali, mentre solo il 23% opterà per la qualità di quelle artigianali.
Ma non è solo la crisi a cambiare le tradizioni degli italiani. Nei menu di Pasqua continua infatti a calare la presenza dell’agnello, condizionato anche dal dibattito sull’utilizzo alimentare di questi animali. E se negli scorsi anni l’agnello era imprescindibile per una famiglia su due, quest’anno ben il 58% del campione lo esclude dalle sue scelte culinarie per il pranzo di Pasqua o di Pasquetta. Nel dettaglio, il 35% è contrario ad inserirlo nel menu, mentre il 23% allarga il suo “no” a tutto ciò che fa tradizione, mentre solo il 31% ha deciso di mantenere le scelte del passato ed includere a tavola anche l’agnello.
A parte l’agnello, resta comunque forte il richiamo alle tradizioni culinarie locali, che vede esaltare nel giorno di Pasqua le pietanze legate alla cucina regionale, siano esse dolci o salate. Anzi: negli acquisti pre-pasquali sembra che la tradizione locale viva una stagione di recupero nei territori di riferimento, soprattutto al Sud: a partire dalla frittata di maccheroni tipica della Campania, e dalle pietanze a base di carciofo contemplate da molte cucine regionali, da Napoli a Bologna. Sulle tavole degli italiani a Pasqua arriveranno pure le ‘torte salate’, nella forma del Casatiello campano o delle ‘Pizze di Pasqua’ dell’Italia centrale, ma anche ‘pastiera’ (non solo napoletana, ma anche quelle di Reggio Calabria), ‘cassate’ e ‘cicili’ (grosse ciambelle guarnite con uova sode non sgusciate) dalla Sicilia, la ‘Pigna dolce’, diffusa nel Lazio meridionale, la scarcella – o cuddura – della Puglia, le ‘schiacciate’ toscane e la Pinza Triestina, tipica delle province di Gorizia e Trieste.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “Pasqua, Confesercenti: ennesima festa al risparmio

  1. Pasqua di Resurrezione non è una festa per i commercianti , come invece è stata trasformata da questo mondo pagano e consumistico. E’ giusto che venga ridimensionata riportandola al suo vero valore di gioia gratuita, altruismo e carità.
    Non è con la Pasqua dei consumi inutili che si risolvono i problemi e la crisi , mentre invece la Pasqua deve indurre a riflettere serenamente sui veri mali di questa società sprecona, corrotta e poco solidale.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: