Desiderio di vacanza da Pasqua al primo maggio. Non tutti avranno la possibilità di prendersi il megaponte di cui molti parlano, ma è indubbio che la voglia di concedersi un po’ di relax e se possibile un viaggio o una gita fuori porta di un paio di giorni sia molto diffuso fra gli italiani. E contagi il lungo ponte che i più fortunati potranno fare nelle prossime festività. Quali le previsioni? Secondo l’indagine di italiani.coop sulla voglia di vacanza degli italiani, uno su due (il 51%) dichiara che intende spostarsi nei prossimi giorni, privilegiando mete vicine al luogo di residenza. L’86% infatti resterà in Italia.

Il dato viene dal sondaggio “Le vacanze degli italiani” a cura di italiani.coop, il portale di ricerca e analisi di Coop, realizzato per Robintur, il Gruppo Turistico controllato da Coop Alleanza 3.0. E riguarda il focus sulla primavera e sull’opportunità di anticipare qualche giorno di ferie prima dell’estate, quando l’89% già prevede di regalarsi una pausa vacanziera – “Toglietemi tutto ma non la vacanza”, sintetizza la ricerca.

Quale il quadro fra Pasqua e la festa dei lavoratori? Un italiano su due pensa di andare in vacanza fra Pasqua e il primo maggio: il 21% a Pasqua, il 14% per il 25 aprile, il 9% per il primo maggio. C’è poi una quota del 7% che pensa di concedersi il ponte lungo. Pochi fortunati soggiorneranno all’estero con tutti i comfort (l’8% sceglierà vacanze comode all’estero) mentre per 4 vacanzieri su dieci il ponte sarà in Italia e a basso costo o low budget (40%); il 46% si concederà invece vacanze comode in Italia e il 6% cercherà soluzioni a basso costo all’estero.

Non è ancora tempo di mare: città e luoghi culturali e artistici battono la spiaggia col 42% delle preferenze contro il 28% del mare, il 19% della montagna e il 9% della preferenza accordata a tour, viaggi itineranti o crociere.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)