Nel secondo trimestre del 2017 il prodotto interno lordo (PIL) è aumentato dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,5% nei confronti del secondo trimestre del 2016. Rispetto al trimestre precedente, specifica l’Istat che ha diffuso oggi i dati, tutti i principali aggregati della domanda interna registrano aumenti. In particolare, si rileva una crescita dello 0,2% dei consumi finali nazionali e dello 0,7% gli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono cresciute, rispettivamente, dello 0,7% e dello 0,6%.

La domanda nazionale ha contribuito per 0,3 punti percentuali alla crescita del PIL (+0,2 i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private ISP, +0,1 gli investimenti fissi lordi e contributo nullo della spesa della Pubblica Amministrazione, PA). Anche la variazione delle scorte ha contribuito positivamente alla variazione del PIL (+0,1 punti percentuali), mentre il contributo della domanda estera netta è risultato nullo.

Andamenti congiunturali positivi sono stati registrati anche per il valore aggiunto dell’industria (+0,6%) e dei servizi (+0,4%), mentre il valore aggiunto dell’agricoltura è diminuito del 2,2%.

Dato positivo e incoraggiante, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga“, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“I dati, infatti, presentano ancora luci ed ombre”, specifica Dona. Il valore aggiunto dell’agricoltura, ad esempio, è diminuito del 2,2% rispetto al primo trimestre e del 2,4% su base annua. Quanto alla spesa delle famiglie residenti, vera cartina di tornasole per il rilancio della nostra economia, gli incrementi sono inferiori rispetto a quelli del Pil: +0,3% sul trimestre precedente e +1,2% rispetto al secondo trimestre 2016. Il contributo alla variazione congiunturale del Pil è inferiore rispetto al 1° trimestre 2017″.

Un buco di circa 1.500 euro per nucleo familiare che, di questo passo”, aggiunge Confesercenti, “impiegheremo tre anni per recuperare”.

Il gap dei consumi è ancora più pesante se si considera che la ripartenza della spesa degli italiani, negli ultimi tre anni, ha riguardato soprattutto servizi e beni durevoli, in particolare l’automobile. Ed ha avuto dunque un impatto limitato sulle imprese del commercio al dettaglio, le cui vendite continuano ad essere sostanzialmente ferme. A parte lo stallo del commercio però, la nostra economia lancia nel complesso segnali positivi, che dovrebbero essere confermati anche nel III trimestre, viste le buone performance del settore turistico: è stata un’estate record, e ci attendiamo una crescita del 2% circa delle presenze tra giugno e luglio.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)