Viaggi, cene, fiori e regali sono da tradizione il corredo base per un San Valentino degno di questo nome, festa che, nonostante le critiche e le avversioni, non accenna a perdere colpi. Quest’anno gli italiani innamorati che si concederanno una serata speciale con il partner sono 1 su 4 (24%) e la spesa necessaria non sembra essere un grosso problema: 450 milioni di euro è infatti il valore totale stimato per la giornata dell’Amore.

È quanto emerge dal consueto sondaggio condotto sui consumatori da Confesercenti con SWG. Non prende piede invece la festa dei single, il poco noto San Faustino, che cade il giorno successivo e che verrà ‘onorata’ solo dal 7%.

Tra chi festeggia, due su tre (il 67%) lo faranno con una cena romantica: la metà organizzando una serata domestica, mentre gli altri opteranno per una cena fuori. Fra questi ultimi, il ristorante è la tipologia di locale più indicata, scelta dal 62%: ma c’è anche un 35% che invece si orienterà su un pubblico esercizio meno formale, come pizzerie e trattorie. Solo il 3%, invece, percorrerà la strada dell’originalità, organizzando una cena ‘speciale’ in locali alternativi. Ampia la varietà di prezzi: nei ristoranti si parte dai 30 euro, ma si può arrivare fino a 500 euro, a seconda del locale e del menu, anche se in media ci si aggira tra i 40 e gli 80 euro a persona, 20-40 in pizzeria e trattoria.

Attenzione però: la cena potrebbe non bastare. Se si ha un partner esigente, si ha qualcosa da farsi perdonare o se si vuole gratificare ancora di più la persona amata, il regalo è “d’obbligo”. Quelli della tradizione sono sempre i più gettonati: i cioccolatini raccolgono il 30% delle preferenze, seguiti dai fiori, che verranno comprati nel 21% dei casi. Secondo le stime dell’indagine, tra oggi e domani verranno comprati complessivamente 3,7 milioni di scatole di cioccolatini e 2,6 milioni di mazzi di fiori, in particolare rose rosse dal gambo lungo, ma pure tulipani e poi fresie, anemoni.

Come ogni anno, negozi e ambulanti in regola dovranno scontare la competizione di migliaia di abusivi ed irregolari, soprattutto nelle città turistiche. Un fenomeno particolarmente acuto durante le ricorrenze come San Valentino e la Celebrazione dei defunti: per la festa degli innamorati, in particolare, il 10% degli intervistati ammette ancora di comprare i fiori dove capita.

Se i fiori – e i fioristi abusivi – vanno alla grande, solo il 4%, invece si orienterà su un prodotto di gioielleria: si tratta di un calo di due punti percentuali rispetto allo scorso anno. Accelerano, invece, prodotti e accessori di moda, scelti dal 14% contro il 12% del 2017. Uno spostamento che segnala una maggiore propensione per i regali utili e, complici i saldi di fine stagione, d’occasione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)