L’assicurazione Rc auto costa in media 419 euro ma con forti differenze: la metà degli assicurati paga meno di 376 euro, i giovani sotto i 25 anni pagano una rc auto molto alta, i prezzi sono molto differenziati in tutta Italia, con una media che oscilla fra i 539 euro della Campania e i 303 della Valle d’Aosta. I dati vengono dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass) che nei giorni scorsi ha anticipato alcune informazioni sull’andamento dei prezzi per la garanzia r.c. auto nel terzo trimestre 2018, di prossima pubblicazione nel Bollettino Statistico IPER.

I principali dati emergi nell’indagine dicono che il prezzo medio pagato per l’rc auto nel terzo trimestre dell’anno è di 419 euro. I prezzi sono in lieve calo, meno 0,3%, su base annua: prosegue dunque, ma rallenta, il trend di riduzione dei prezzi nel medio e lungo periodo. Particolarmente alto è il prezzo medio associato ai contratti stipulati dagli assicurati con età inferiore a 25 anni (l’1,4% del campione) pari a 745 euro.

I prezzi, prosegue l’Ivass, sono ampiamente differenziati nella penisola: in Campania il prezzo medio è pari a 539 euro contro 303 euro della Valle d’Aosta. Il differenziale tra la provincia con i prezzi medi più elevati (Napoli) e quella con i prezzi medi più bassi (Oristano), pari a 336 euro, si è ridotto su base annua dell’1% (4 euro).

I dati anticipati dall’Ivass riguardano anche la diffusione della scatola nera, che non registra variazioni di rilievo nelle istallazioni rispetto allo scorso anno: il 20,6% dei contratti prevede clausole di riduzione del premio legate alla presenza della scatola nera. Anche la diffusione della scatola nera nei contratti è assai eterogenea su base territoriale: si va dal 60,6% nella provincia di Caserta al 3% nella provincia di Bolzano.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)