Regali utili e prodotti ai quali hanno rinunciato durante l’anno: questo vorrebbero gli italiani per Natale. Abbigliamento prima di tutto – vestiti, calzature e accessori sono i primi a “saltare” quando ci sono risparmi da fare – e poi libri e prodotti enogastronomici di qualità sono i regali che gli italiani sperano di ricevere per le feste. Vorrebbero scartare soprattutto capi d’abbigliamento, segnalati come regalo preferito dal 37% degli italiani. In seconda posizione i libri, scelti dal 35%, mentre il podio è chiuso da cibi e vini (32%).

Questi i dati dell’indagine Confesercenti-SWG su consumi e vacanze durante le feste. L’indagine ha cercato di costruire la lista dei regali preferiti dagli italiani: dopo abbigliamento, libri, cibo e vini, la classifica prosegue al quarto posto con i prodotti tecnologici, auspicio del 29%. Seguono, in quinta posizione e un po’ a sorpresa, i buoni acquisto prepagati, graditi al 27% dei rispondenti. Proseguendo nella top ten dei regali più ambiti si trovano profumi e cosmetici – richiesti dal 18% – ma anche gli elettrodomestici e gli accessori per la casa (13%), smartbox e gioielli, entrambi indicati dall’8% degli intervistati. In nona posizione, a pari merito con il 6% delle preferenze, i viaggi e il denaro: a volere la classica bustina con i soldi, da spendere magari per il capodanno o per i saldi, sono soprattutto i più giovani.  Che li preferiscono, anche se di poco, a giochi e videogiochi, al decimo posto con il 4% delle preferenze.

Sono soprattutto regali utili e regali che rimandano ai risparmi fatti durante l’anno,  come evidenzia la preferenza accordata all’abbigliamento. Il 72% degli italiani – dice Confesercenti – ammette di aver praticato qualche taglio alle spese negli ultimi dodici mesi. Un dato ancora elevato, ma in miglioramento rispetto allo scorso anno, quando a rivedere al ribasso gli acquisti era stato l’87%. Tra chi taglia la spesa quest’anno, il 24% confessa  di aver ridotto soprattutto le risorse da ‘investire’ in vestiti, calzature ed accessori. “Una spending review dettata dalla necessità e dall’incertezza economica, non dalla volontà, a cui sperano di rimediare con i regali di Natale – afferma Confesercenti – Lo stesso vale per le vacanze, che sono state tagliate durante l’anno da un intervistato su dieci, e per la tecnologia, ridotta dal 13% degli intervistati”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)