E’ easyJet il nuovo concorrente di Alitalia-CAI nella rotta Roma Fiumicino-Milano Linate. Lo comunica l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che ha preso atto della relazione trasmessa dal monitoring trustee Nexia International-Audirevi, che ha indicato la società easyJet quale assegnataria degli slot sullo scalo di Milano Linate messi a disposizione da Alitalia-CAI per effetto dei provvedimenti dell’Autorità stessa. Il 1° ottobre scorso Alitalia-CAI decideva di rilasciare 8 slot sulla rotta indicata dopo che aveva presentato ricorso avverso la decisione dell’Antitrust che ad aprile aveva individuato una condizione di monopolio sulla rotta a favore di Alitalia-CAI. Il Tar Lazio aveva, però, confermato la sentenza dell’Autorità.
In considerazione del piano operativo presentato da easyJet, l’Antitrust ha quindi disposto che, già nel corso della stagione IATA “Winter 2012/2013”, a decorrere dalla data in cui easyJet garantirà l’effettivo avvio del servizio, Alitalia-CAI rinunci alla titolarità di sette slot (quantità richiesta dalla società assegnataria) attualmente detenuti presso l’aeroporto di Milano Linate. Ciò consentirà ad easyJet di entrare in competizione con Alitalia-CAI offrendo un servizio alternativo sulla rotta Roma Fiumicino-Milano Linate, in particolare nelle fasce orarie del mattino e della sera.
L’operazione segna “un punto di svolta importantissimo per l’avvio di una vera concorrenza su una tratta che conta un elevatissimo numero di passeggeri, che fino a ieri erano costretti a volare pagando tariffe elevatissime ed ingiustificate”.
E’ il commento di Federconsumatori secondo cui, dopo l’Alta velocità, si è fatto un ulteriore passo avanti verso una maggiore competitività che dovrà contribuire alla riduzione dei costi per i cittadini (di almeno il 30% sulle tariffe aeree) ed allo sviluppo di standard qualitativi sempre più elevati.   

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)