In corso a Roma lo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico indetto dal sindacato Sul per il personale di Atac. E’ l’ennesima protesta di un giugno rovente: l’ultimo sciopero del trasporto pubblico nella capitale si è verificato appena 10 giorni fa. Al momento, sono attive con riduzioni di corse le linee A, B/B1 della metropolitana, la Termini-Giardinetti e la Roma-Viterbo. Ultime corse e poi chiusura per la Roma-Lido. Soppressioni di corse e ritardi fino alle 17 e poi dalle 20 a fine servizio saranno possibili anche in superficie.
La protesta si svolgerà nel rispetto delle fasce di garanzia, programmate dall’inizio del servizio diurno sino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. Dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio saranno possibili disagi per le linee bus e tram per la metropolitana e per le ferrovie Roma-Lido, Roma-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo. In metropolitana scale mobili e ascensori, in caso di assenza del personale addetto per adesione allo sciopero, saranno disattivati per ragioni di sicurezza.
Sul fronte della viabilità privata, in occasione della protesta è stata disposta la sospensione delle Zone a traffico limitato di Centro e Trastevere.
Servizio regolare per le ferrovie di Trenitalia, per i bus Cotral e per tutte le linee di bus gestite dalla Roma Tpl: 022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 033, 035, 037, 037, 039, 040, 041, 044, 048, 050, 051, 053, 056, 057, 059, 077, 078, 086, 088, 135, 146, 213, 218, 218L, 220, 222, 232, 235, 308, 308P, 314, 343, 344, 404, 437, 444, 447, 449, 502, 503, 511, 543, 546, 552, 554, 557, 657, 663, 701, 701L, 702, 720, 721, 763, 764, 767, 768, 771, 775, 777, 778, 787, 808, 881, 889, 892, 907, 912, 982, 983, 984, 985, 992, 997, 998, 998L e C1.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)