Sciopero dei trasporti pubblici venerdì 27 ottobre. L’agitazione potrebbe causare lo stop di treni, aerei e mezzi pubblici in tutta Italia. L’astensione dal lavoro è stata indetta dal sindacato Cub (Confederazione unitaria di base) cui si sono aggiunge poi altre sigle. Lo sciopero, si legge sul sito internet Cub, è “contro il liberalismo, le privatizzazioni, le liberalizzazioni e per cambiare il sistema che genera diseguaglianze salariali, sociali, economiche e di genere e verso i migranti”. Disagi in vista dunque per lo stop dei trasporti pubblici, con ripercussioni che potrebbero colpire in particolare il trasporto ferroviario.

Lo stop dei treni è previsto infatti dalle ore 21 di giovedì 26 alle ore 21 di venerdì 27 ottobre. Ferrovie dello Stato annuncia che sarà garantito il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale di Fiumicino e che le Frecce saranno regolari. Informa FS in una nota: “Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi – dalle ore 21.00 di giovedì 26 alle 21.00 di venerdì 27 ottobre – in adesione a uno sciopero generale. Per gli altri treni nazionali si prevedono ripercussioni limitate. Si ricorda comunque che saranno assicurati tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’Orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com”. Il programma dei treni regionali potrebbe subire modifiche: saranno garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nei giorni feriali, nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00).

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)