Rosso, giallo, arancione e nerofumo: sono i pigmenti per tatuaggi più a rischio secondo il Ministero della Salute. I campionamenti e i controlli fatti evidenziano il rischio che deriva dalla presenza di ammine aromatiche e idrocarburi policiclici aromatici, le due sostanze più cercate nei coloranti per tattoo. “L’Italia è all’avanguardia rispetto agli altri Paesi Europei nel settore del monitoraggio e controllo dei pigmenti per tatuaggi”. Così il Ministero della Salute dopo una serie di richiami di pigmenti per tattoo, per rischio chimico e cancerogeno.

Lo scorso anno il Comando Carabinieri per la tutela della salute (NAS) ha fatto oltre cento campionamenti presso i tatuatori. “Le sostanze indagate sono in particolare ammine aromatiche e idrocarburi policiclici aromatici. I dati in nostro possesso – spiega il Ministero della Salute – indicano una quota non trascurabile di tatuaggi non conformi per presenza di ammine aromatiche: questo dimostra che l’indagine condotta dal ministero della Salute è mirata e basata su un attento esame della letteratura scientifica: sappiamo infatti quali sono i colori e Color Index a maggior rischio e, quindi, quali indagare. Per questo motivo la scelta degli inchiostri da prelevare si è orientata prioritariamente verso le tonalità rosse, gialle e arancioni e ha compreso anche gli inchiostri con pigmenti azoici in generale”.

Questi ultimi, prosegue il Ministero, possono essere individuati in etichetta attraverso il Color Index (codice a 5/6 cifre preceduto dalle lettere CI): gli azo-pigmenti hanno i Color Index compresi nell’intervallo che va dal numero 11000 al numero 29999 (es. CI 12475 = pigmento azoico). Per quanto riguarda la ricerca degli idrocarburi policiclici aromatici, anche essi cancerogeni, gli inchiostri più a rischio sono quelli contenenti nerofumo (neri, grigi, argento), in particolare quelli nei quali in etichetta viene indicato come Color Index 77266.

Fra il 21 e il 28 marzo il Ministero della Salute ha richiamato una serie di tatuaggi perché contengono sostanze cancerogene o provocano allergie. Si chiamano Great Wall Yellow, Dubai Gold, Sailor Jerry Red, Black Mamba, Green Beret, Hot Pink, Banana Cream, Lining Green, Lining Red Light, Blue Iris e vengono tutti dagli Stati Uniti, tranne uno di provenienza ignota.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)