Proseguono i controlli effettuati dall’Ispettorato centrale della tutela e della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari nella Terra dei Fuochi, mentre il Ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo ha incontrato i rappresentanti della Grande distribuzione organizzata per fare il punto sulle forniture: i rappresentanti della Gdo hanno confermato che non ci sono state disdette di forniture per tutti quei produttori che hanno dato garanzie di certificazione, tracciabilità e qualità.
L’ICQRF ha intensificato lo sforzo operativo nei primi 15 giorni di novembre: rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, infatti, sono più che raddoppiati i controlli (43 nel 2013 contro i 19 nel 2012) e gli operatori controllati (42 nel 2013 contro 18 nel 2012). Nel corso dell’attività sono state controllate 73 diverse tipologie di prodotti dei principali settori dell’agroalimentare: in particolare, le verifiche hanno riguardato i settori ortofrutticolo e conserve vegetali (44 prodotti), lattiero-caseario (11 prodotti) e vitivinicolo (9 prodotti). “I controlli effettuati – ha detto il Ministero – hanno consentito di verificare, per quanto concerne gli aspetti di natura merceologica e di tracciabilità delle produzioni, la correttezza delle attività produttive presso gli operatori che sono stati oggetto delle ispezioni e l’assenza di illeciti riscontrati”.
“Sta proseguendo senza sosta l’attività di controllo sulle produzioni nei Comuni della Terra dei Fuochi – ha commentato il Ministro De Girolamo –  È anche grazie al sistema ispettivo e al nuovo programma di intensificazione nelle verifiche che riusciamo a tutelare le imprese del territorio e i nostri consumatori. Il lavoro condotto dall’ICQRF è essenziale per garantire il livello di qualità dei prodotti del territorio e le misure di controllo, intensificate negli ultimi giorni, sono fondamentali anche per prevenire eventuali irregolarità in futuro”.
Si è svolto inoltre ieri un incontro con i rappresentanti della Grande distribuzione sulle presunte disdette di contratti di forniture dalle imprese agroalimentari campane a seguito della vicenda della Terra dei Fuochi. Alla riunione erano presenti rappresentanti di Auchan, Federdistribuzione, Ancd-Conad, Conad, Coop Italia, Gs Spa Carrefour, Esselunga Spa.
Durante l’incontro i rappresentanti della Gdo hanno confermato che non ci sono state disdette di forniture per tutti quei produttori che hanno dato ampie e approfondite garanzie di certificazione, tracciabilità e qualità. I rappresentanti hanno inoltre sottolineato che i prodotti campani in vendita sui loro scaffali sono sottoposti a controlli che vanno oltre la norma, mentre il Ministro ha ribadito l’impegno del Ministero e degli organismi di controllo per la tracciabilità e la verifica dei prodotti campani.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)