Un viaggio fatto senza contanti e senza carte di pagamento: nel #NoCashTrip viene tutto pagato attraverso lo smartphone. Il viaggio senza contanti, iniziativa ideata e realizzata dall’associazione Cashlessway, giunta quest’anno alla quinta edizione, è partito dal Salone dei Pagamenti che si è svolto a Milano e si concluderà a Roma in Banca d’Italia. L’unico strumento che viene usato quest’anno è appunto lo smartphone. A bordo della vettura ufficiale c’è Geronimo Emili, presidente di CashlessWay, che ha avviato il format #NoCashTrip nel 2013.

Quali strumenti sono stati usati finora per viaggiare e pagare solo con lo smartphone? Tutto si muove attraverso apposite app. Per il rifornimento del carburante è stata usata, ad esempio, l’app CartissimaQ8, che permette di fare rifornimento generando un codice che, digitato sulla colonnina, permette il pagamento senza carta. Per hotel e ristoranti è stata usata l’app ExpendiaSmart, carta virtualizzata sullo smartphone che permette, attraverso ApplePay, di pagare ristoranti e hotel e di tenere traccia in tempo reale delle proprie spese, realizzata da Edenred. Le prenotazioni degli hotel sono state fatte via Booking e per i ristoranti è stato usata l’app di TheFork, che indica i ristoranti più vicini e permette di prenotare un tavolo senza telefonare. La comunicazione dell’evento passa dai social network, lo scambio di informazioni con la struttura fissa a Milano che supporta l’evento avviane via WhatsApp.

“Il #NoCashTrip è un’operazione finalizzata a costruire un canale proprio con il pubblico, troppo spesso legato a false convinzioni sui vantaggi del contante e che a volte non conosce i costi e gli aspetti negativi di banconote e monete sia per l’individuo che per il sistema”, spiegano i promotori dell’iniziativa. Il viaggio si chiuderà a Roma ospite di Banca d’Italia impegnata in questi giorni, assieme alla Banca Centrale Europea, in un importante evento internazionale dove le istituzioni si confronteranno con accademici ed esponenti dei mercati sugli sviluppi dell’innovazione dei pagamenti. 

Il #NoCashTrip si muove dunque nel Paese delle contraddizioni, uno degli ultimi in Europa in fatto di pagamenti elettronici ma primi al mondo per penetrazione di telefoni. Nel 2016, dicono i promotori dell’iniziativa, i pagamenti con carta in Italia sono aumentati di circa il 10%, sfiorando i 200 miliardi di euro e attestandosi a un livello pari al 24% dei consumi delle famiglie italiane. La crescita è in larga parte riconducibile al trend che anche in Italia, come nel resto del mondo, vede crescere l’importanza di smartphone e altri dispositivi mobili come strumenti chiave per l’e-commerce (a danno dei tradizionali computer), con il 30% delle transazioni e-commerce avvenuti grazie agli “smart” device.

Gli sponsor della quinta edizione del #NoCashTrip sono Edenred, Nexi, Q8 e C2Partners e la vettura ufficiale del viaggio è un’Opel Insigna Sport Tourer.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)