Adiconsum Sardegna ha depositato al Tribunale di Cagliari l’atto di citazione in giudizio con il quale richiede agli organismi giudicanti di inibire il comportamento di Abbanoa, Gestore Idrico della Sardegna, ritenuto scorretto dall’Associazione. Chiede, inoltre, che il deposito cauzionale preteso da Abbanoa sia ritenuto illegittimo e, dunque, non dovuto.

Adiconsum si era già espressa sul caso Abbanoa quando, nel mese di aprile 2016, il Tribunale di Nuoro aveva affermato la legittimità della richiesta di Abbanoa di richiedere agli utenti la costituzione del deposito cauzionale, considerando questo strumento “un balzello profondamente ingiusto e giuridicamente non corretto, non condividendo le motivazioni poste alla base della decisione”.

La battaglia dell’associazione va avanti dal 2014, quando il gestore idrico aveva deciso di sanare una incongruenza che risaliva alle gestioni precedenti, chiedendo, a chi non lo avesse ancora fatto, di versare il deposito cauzionale.

Con l’azione inibitoria di merito, l’associazione consumatori chiede, quindi, di “inibire il comportamento di Abbanoa e per effetto ordinare che il deposito cauzionale non debba essere pagato dagli utenti e restituito a coloro che già vi avessero provveduto”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)