Luce e gas mercato libero, UNC presenta esposto all’Antitrust contro rialzi unilaterali dei contratti a prezzo fisso (foto pixabay)

Alcune società di luce e gas del mercato libero stanno modificando e aumentando unilateralmente i contratti a prezzo fisso nonostante il dl Aiuti bis abbia vietato di farlo fino al 30 aprile 2023. È la denuncia dell’Unione Nazionale Consumatori, che ha presentato un esposto all’Antitrust contro alcune società di luce e gas del mercato libero che stanno cambiando unilateralmente i contratti.

Le segnalazioni fatte dai consumatori lamentano che gli avvisi di modifica sono arrivati anche a settembre e che invitano a passare a un nuovo contratto per non finire nel mercato tutelato – oggi più caro.

Rialzi unilaterali dei contratti, sono vietati fino al 30 aprile 2023

L’Unione Nazionale Consumatori ha dunque presentato un esposto all’Antitrust contro alcune società di luce e gas del mercato libero che stanno modificando unilateralmente i contratti a prezzo fisso, alzandoli, nonostante il Dl Aiuti Bis abbia vietato di farlo fino al 30 aprile 2023.

«Siamo alle solite. Dopo la mancata applicazione della prescrizione biennale ora ci sono furbetti che vogliono aumentare le bollette del mercato libero anche se la legge lo vieta», afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.

L’art. 3 del decreto legge 9 agosto 2022, n. 115, ora convertito dalla Legge n. 142 del 21-09-2022, ha sospeso, infatti, fino al 30 aprile 2023 la possibilità di modificare unilateralmente le condizioni generali di contratto relative alla definizione del prezzo.

L’articolo prevede infatti che “fino al 30 aprile 2023 è sospesa l’efficacia di ogni eventuale clausola contrattuale che consente all’impresa fornitrice di energia elettrica e gas naturale di modificare unilateralmente le condizioni generali di contratto relative alla definizione del prezzo ancorché sia contrattualmente riconosciuto il diritto di recesso alla controparte”.

L’articolo rende poi “inefficaci i preavvisi comunicati” prima della data di entrata in vigore del decreto, ossia prima del 10 agosto 2022, “salvo che le modifiche contrattuali si siano già perfezionate”.

In pratica, spiega l’UNC in una nota, «considerato che il Codice di condotta commerciale deliberato da Arera prevede all’art. 13 che il preavviso non può essere inferiore a 3 mesi e che il termine scatta dal primo giorno del mese successivo a quello di ricevimento della comunicazione da parte del cliente stesso, significa che ogni avviso successivo al 1° maggio non si è più perfezionato e, quindi, non è più valido».

Rialzi unilaterali, le segnalazioni dei consumatori

Il rincaro dei contratti di luce e gas non può scattare. Eppure, prosegue Vignola, «fioccano le segnalazioni di consumatori che hanno ricevuto avvisi di modifica abbondantemente dopo il 10 agosto, addirittura a settembre. Una pratica scorretta, a cui se ne aggiunge una ancor più odiosa. Per aggirare il Dl Aiuti – dice l’esperto dell’associazione – “invitano” il consumatore a sottoscrivere un nuovo contratto, avvisandolo che, in mancanza, il vecchio contratto verrà cessato e, di conseguenza, passerà per la luce al Servizio di maggior tutela e per il gas al Fornitore di ultima istanza, notoriamente più caro. Come dire, o mangi la minestra o salti la finestra. Per questo ci siamo rivolti all’Antitrust chiedendo di accertare la correttezza di queste pratiche».

 

Luce e Gas, stop alle modifiche unilaterali dei contratti. CRTCU invia diffida a Dolomiti energia
Luce e Gas, stop alle modifiche unilaterali dei contratti. CRTCU invia diffida a Dolomiti energia (Fonte immagine: Pixabay)

 

Codacons: le società stanno allontanando i clienti “a rischio”

Ma sulla questione delle modifiche unilaterali dei contratti di luce e gas nel mercato libero “si registra in Italia un vero e proprio caos e una confusione enorme su ciò che il Dl Aiuti bis realmente vieta e sulle pratiche scorrette messe in atto dalle società dell’energia”, afferma a sua volta il Codacons. I contratti scaduti possono subire modifiche – e ci sono aumenti dei prezzi.

«Diverso il caso dei contratti a prezzo variabile, per i quali i gestori possono modificare le offerte in base all’andamento degli indici di riferimento, tipologia di fornitura non interessata dai divieti imposti dal Dl Aiuti bis – afferma il Codacons – Alcuni gestori, tuttavia, propongono modifiche non solo al prezzo della componente energia, ma anche ad altre voci e sempre a consumo, applicando un sovrapprezzo espresso in euro/kilowattora per coprirsi dagli aumenti del prezzo della materia prima. Pratica questa vietata dal Dl Aiuti bis».

L’associazione però segnala anche un’altra questione: l’allontanamento dei clienti “a rischio” che potrebbero avere problemi nel pagare.

«Il vero problema però – sostiene il Codacons – è che le società dell’energia stanno praticando una “scrematura” dei propri clienti, rescindendo i contratti agli utenti considerati “a rischio”, come quelli morosi o in ritardo con i pagamenti delle fatture, allontanando i consumatori che non garantiscono liquidità alle aziende. Un comportamento che danneggia gli utenti, costringendoli a trovare un altro operatore sul mercato, a condizioni spesso peggiori».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)