“Anticipare il Futuro”: questo il titolo suggestivo dell’incontro svolto presso il Centro Congressi ENI martedì 4 giugno, che ha visto la partecipazione del management del Gruppo, le Autorità di regolamentazione, i vertici delle Associazioni consumatori. Ha aperto l’incontro con un saluto Domenico Noviello, responsabile dei Rapporti con Organismi associativi, che ha sottolineato il valore aggiunto di questi incontri-confronti con gli stakeholders, in particolare con chi rappresenta i clienti.

Francesco Gattei, responsabile Scenari, Opzioni strategiche &Investor Relations, ha illustrato gli sviluppi delle strategie di ricerca e investimenti in campo energetico; ENI è presente in 67 Paesi e Leader nei processi di transizione energetica, intesa come evoluzione dei modelli di approvvigionamento delle fonti e della produzione di energia,  sempre più indirizzati verso fonti sostenibili, senza dimenticare però che il petrolio e il gas saranno ancora importanti a lungo. Gattei ha parlato anche di economia circolare e povertà energetica,  temi ormai ineludibili e che vedono ENI fortemente impegnato.

Nando Pagnoncelli, l’AD della società di ricerche Ipsos, ha esposto i risultati illustrati dell‘indagine “Consumatori, associazioni e aziende: l’evoluzione dello scenario italiano”,  voluto da Eni e realizzata tramite 130 interviste tra qualitative e quantitative ai responsabili delle Associazioni dei consumatori a livello nazionale e regionale. 

Le Associazioni dei consumatori considerano la sostenibilità ambientale e sociale e lo sviluppo tecnologico come temi emergenti e ricorrenti sui quali si concentra maggiormente il proprio dibattito; ritengono che i consumatori italiani siano sempre più consapevoli dei propri diritti, anche se in modo non ancora paragonabile alla media europea; giudicano le aziende più pronte a relazionarsi positivamente con loro e con i consumatori, anche se non tutte fanno abbastanza. Sono queste alcune delle tendenze che emergono dalla ricerca. Complessivamente, le Associazioni auspicano un clima di più stretta collaborazione con le Istituzioni e tra loro, anche alla luce del ruolo sempre più informativo ed educativo, oltre che di tutela, che esse sentono di dover ricoprire. Anche le aziende sono chiamate a sostenere l’azione del consumerismo organizzato, per garantire maggior tutela e consapevolezza ai consumatori e, in questo senso, gli indicatori di qualità dell’azione delle aziende che dallo studio appaiono più rilevanti sono: la qualità dell’offerta, la sottoscrizione di accordi, arbitrati e protocolli per favorire la risoluzione delle controversie, l’efficienza del customer-care, una reale attenzione alla sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale. A livello di dinamiche settoriali, vengono considerati più evoluti dal punto di vista del rapporto con i consumatori il settore energetico e telefonico.

Il focus sul settore energetico ha evidenziato che il trend di maggiore interesse per i rappresentanti delle Associazioni dei consumatori nazionali è quello relativo al passaggio al mercato libero, cui però seguono altri temi, tutti legati alla sostenibilità: la mobilità sostenibile, giudicata come un tema molto concreto e che coinvolge un po’ tutti gli attori del settore; la transazione energetica, un processo considerato promettente ma che è ancora agli inizi; e l’economia circolare, vista come una vera rivoluzione, ma oggi perlopiù ancora aspirazionale. Gli intervistati giudicano abbastanza buono l’impegno delle aziende energetiche su questi temi, anche se queste, secondo il loro parere, potrebbero fare ancora di più. 

Per quanto riguarda in particolare il passaggio al mercato libero, mentre dai rappresentanti delle Associazioni nazionali viene visto come un’opportunità, quelli regionali lo considerano un evento negativo: sono tutti d’accordo poi nel giudicare mal gestito il passaggio a tale regime. I rappresentanti nazionali e regionali delle Associazioni dei consumatori considerano la poca chiarezza e trasparenza della bolletta una criticità irrisolta del passato, e vedono come nuova emergenza il proliferare di tanti piccoli operatori. Sia nel comparto oil, che nel gas e nell’energia elettrica, poi, le relazioni tra aziende e consumatori sono giudicate migliori rispetto al passato ma non sono ancora ritenute diffusamente soddisfacenti, soprattutto a livello di rappresentanti delle associazioni locali.

Sono emerse infine valutazioni positive su un quadro normativo europeo più tutelante, ma negative su una minore centralità di consumatori e Associazioni nell’agenda politica nazionale, nonché su un sistema associazionistico non del tutto adeguato ai tempi. 

Successivamente in una tavola rotonda si sono confrontati Mario Fiorentino in rappresentanza del MISE, Stefano Besseghini (presidente ARERA), Giovanni Calabrò (AGCM), Giuseppe Ricci (Eni Chief Refining &Marketing Officer), Alberto Chiarini (AD Eni gas e luce), che hanno anche risposto a numerose domande dei rappresentanti dei consumatori.

 

Notizia pubblicata il 04/06/2019 ore 18.29

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)